Natura 2000 è il nome che il Consiglio dei Ministri dell'Unione Europea ha assegnato ad un sistema coordinato e coerente (una "rete") di aree destinate alla conservazione della diversità biologica presente nel territorio dell'Unione stessa ed in particolare alla tutela di una serie di habitat e specie animali e vegetali e delle altre specie migratrici che tornano regolarmente in Italia.
La Rete Natura 2000, ai sensi della Direttiva "Habitat" (art.3), è costituita dalle Zone Speciali di Conservazione (ZSC) e dalle Zone di Protezione Speciale (ZPS).

Per maggiori informazioni sulla Rete Natura 2000 in Italia

Nel territorio del Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano ricadono parzialmente 14 siti della Rete Natura 2000


Proposta di Piani di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria

PSR 2007-2013 - Misura 323 Sottomisura A. Piani di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria "Monte Orsaro", "Monte Matto, Monte Malpasso", "Monte Acuto, Groppi di Camporaghena" nel territorio del Parco nazionale e della Provincia di Massa-Carrara. Avvio del procedimento per l'approvazione ai sensi della L. R. 65 del 10 novembre 2014. 

IT5110004 Monte Acuto - Groppi di Camporaghena

IT5110002 Monte Orsaro

IT4020004 Monte Matto - Monte Malpasso 


Misure di Conservazione sito specifiche e Piani di Gestione dei siti della Rete Natura 2000 compresi nel Parco nazionale in Regione Emilia-Romagna

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr