Scopri la riserva MAB Unesco

L'8 giugno 2015, a Parigi, l'Unesco ha accolto la candidatura e dichiarato l'Appennino Tosco-Emiliano Riserva MaB

La superficie è di 223.229 ettari, di cui il 4,5% è Area Core, l'11,5% Area Buffer e l'84% Area Transition.

Gli abitanti sono 101.300 (stagionalmente 169.800)

La Riserva interessa 34 Comuni
  • nella provincia di Reggio Emilia: Baiso, Canossa, Carpineti, Casina, Castelnovo ne' Monti*, Toano, Ventasso*, Vetto, Vezzano sul Crostolo, Villa Minozzo*
  • nella provincia di Parma: Berceto, Calestano, Corniglio*, Langhirano, Lesignano de Bagni, Monchio delle Corti*, Neviano degli Arduini, Palanzano, Tizzano Val Parma
  • nella provincia di Modena: Frassinoro
  • nella provincia di Massa Carrara: Bagnone*, Casola in Lunigiana, Comano*, Filattiera*, Fivizzano*, Fosdinovo, Licciana Nardi*, Villafranca in Lunigiana
  • nella provincia di Lucca: Castelnuovo Garfagnana, Piazza al Serchio, Pieve Fosciana, San Romano in Garfagnana*, Sillano Giuncugnano*, Villa Collemandina*

*: 13 sono i Comuni del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano

CARTA D'IDENTITA' DELLA RISERVA

 

Superficie

223.229 ettari che comprendono 34 comuni dell'Appennino tra Emilia-Romagna e Toscana

Altimetria

Dai 60 m della Lunigiana ai 2120 m del Monte Cusna

Popolazione

101.300 abitanti

Uso del suolo

Boschi (faggete, querceti e castagneti), coltivazioni (foraggere, uliveti, vigneti, cerealicole) e pascoli

Cooperazione e associazionismo

Cooperative di comunità, associazioni locali turistiche e di volontariato, usi civici (proprietà collettive)

Agricoltura e zootecnia

Foraggere, vigneti, cerealicole, pascoli, coltivazioni varie, allevamenti bovini, suini e ovini

Turismo

Agriturismi e alberghi diffusi, rifugi e bivacchi, ostelli, B&B, turismo di comunità, campeggi, alloggi rurali

Luoghi da visitare

Il sistema dei castelli da Matilde di Canossa a Torrechiara, fortezze ed edifici storici, pievi, siti geologici, una ben segnalata rete sentieristica, le vie storiche, i laghi glaciali, il crinale con le sue prateria di alta quota e il sentiero 00, la Pietra di Bismantova, la Pania di Corfino

Sport e attività

Escursionismo, mountain bike, bici a pedalata assistita, arrampicata, sci alpino, sci di fondo, ciaspolate, canyoning, escursionismo a cavallo, parchi avventura

Prodotti agroalimentari

64 prodotti tra DOP, IGP, PAT (prodotti agroalimentari tradizionali) e Presidi Slow Food, da cui deriva una gastronomia di alta qualità. Per citarne solo alcuni: Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma, Biroldo e Farro della Garfagnana, i pecorini, Miele della Lunigiana, la Cipolla di Treschietto, la mela Rotella

Aree di valore naturalistico

Oltre al Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano sono inclusi il Parco Regionale dei 100 laghi, il Parco Regionale del Frignano e la Riserva Regionale Rupe di Campotrera. Sono presenti 22 Siti Rete Natura 2000, 42 habitat di interesse comunitario di cui 8 prioritari e 3 di interesse regionale

Flora e Fauna

Si trova qui oltre il 70% della biodiversità italiana, con alcune emergenze quali la primula appenninica, il lupo, l'aquila reale. Sono presenti oltre 2000 specie, di cui 122, tra uccelli, anfibi, rettili, mammiferi, pesci ed invertebrati, di interesse conservazionistico

Vai sul sito della Riserva MaB: www.mabappennino.it

Contatti: biosfera@parcoappennino.it   0522/610551   oppure 0585/947200 

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr