Il Programma LIFE è lo strumento finanziario dell'Unione Europea per l'ambiente e il clima. L'obiettivo generale di LIFE è contribuire all'attuazione, all'aggiornamento e allo sviluppo delle politiche e della legislazione in materia ambientale e climatica della UE mediante il cofinanziamento di progetti sullo stesso territorio europeo.

Dal 1992, anno di creazione dello strumento finanziario LIFE, al 2013 (anno di chiusura della quarta fase del Programma) l'Unione Europea ha finanziato qualcosa come 3.954 progetti contribuendo con circa 3,1 miliardi di euro alla protezione dell'ambiente. Si è appena conclusa la quinta fase (2014 - 2017).

A gestire il Programma LIFE è la Commissione Europea, supportata dall'Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese (EASME) e da gruppi di lavoro esterni dedicati agli aspetti di selezione, monitoraggio e comunicazione dei progetti.

Più in dettaglio i progetti finanziati a tutela della natura e della biodiversità intendono migliorare la salvaguardia delle specie e degli habitat a rischio di estinzione. Il loro scopo deve essere contribuire all'attuazione delle Direttive Uccelli (79/409/CEE) e Habitat (92/43/CEE) e alla implementazione della Rete Natura 2000.

L'orso bruno, la foca monaca e il lupo figurano tra le specie che hanno maggiormente beneficiato dei progetti LIFE in Italia. Oltre 400 - più di un terzo - delle specie a rischio elencate nelle suddette Direttive sono state oggetto di almeno un progetto LIFE.

I fondi LIFE hanno inoltre finanziato oltre 1.000 piani di gestione nell'ambito della rete Natura 2000. Si tratta di un importante passo nella lotta alla perdita di biodiversità. Altri progetti hanno creato corridoi ecologici e habitat urbani per le specie selvatiche, introdotto misure di adattamento ai cambiamenti climatici, sostenuto servizi per gli ecosistemi e sensibilizzato le imprese all'importanza della biodiversità. Oltre 100 progetti LIFE hanno contribuito ad affrontare il problema delle specie esotiche invasive anche note come specie aliene.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr