IT4030003 Monte La Nuda, Cima Belfiore, Passo del Cerreto

Il SIC-ZPS IT4030003 Monte la Nuda, Cima Belfiore, Passo del Cerreto si estende per 3.498 ettari sul lato settentrionale del crinale tosco-emiliano, nei comuni di Ligonchio, Collagna e Busana.
Il sito include i versanti settentrionali del Monte La Nuda (1.895 m), della Cima Belfiore (1.810 m) e del Monte Scalocchi (1.727 m), nonché l'intera propaggine del Monte Cavalbianco (1.855 m). Sono inclusi nel territorio i versanti a strapiombo, detti schiocchi, dei torrenti Secchia e Riarbero che conferiscono alle due valli l'aspetto di profondi orridi, con pareti verticali di alcune centinaia di metri; alla base del Monte La Nuda è inoltre presente un sistema di laghi, torbiere e pozze di origine glaciale a differenti stadi di interramento.
Le tipologie ambientali prevalenti sono le praterie d'alta quota e i vaccinieti, che si estendono lungo il crinale appenninico tra il Monte La Nuda e il Monte Ischia e sul Monte Cavalbianco, e i boschi di faggio governati a ceduo. Castagneti, cerrete, abetine residue di abete rosso e abete bianco, boschi igrofili e rimboschimenti artificiali di conifere occupano invece superfici del tutto marginali.
Sono 22 gli habitat di interesse comunitario (formazioni erbose, ghiaioni, pavimenti calcarei, foreste alluvionali, faggete, castagneti, ginepreti ecc.), dei quali 5 di importanza prioritaria. Tra le specie animali prioritarie sono segnalate il lupo, l'arvicola delle nevi, il succiacapre, il calandro, la tottavilla, l'averla piccola e l'aquila reale.
Il Passo Pradarena, Cerreto Laghi, Ospitaletto e Cerreto Alpi rappresentano le principali località di accesso al sito.
Tra le specie floristiche di maggior interesse conservazionistico risultano la primula appenninica (Primula apennina) e la carnivora drosera a foglie rotonde (Drosera Rotundifolia).

Testi tratti da "Aree Protette e rete Natura 2000 in Provincia di Reggio Emilia" a cura dell'U.O. Aree Protette e Paesaggio - Provincia di Reggio Emilia (Area Cultura e valorizzazione Territoriale - Servizio Pianificazione Territoriale, Paesaggistica e Ambientale).

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr