Ovvero spazi di sosta/informazione in corso di realizzazione in modo coordinato presso punti panoramici in corrispondenza delle principali strade di accesso al Parco, di emergenze di particolar pregio e nei passi.
Le Porte del Parco saranno evidenti ai visitatori che entrano nel territorio mediante un elemento caratterizzante ed appariscente seppur in armonia con il paesaggio (una bandiera, un'installazione artistica,...)

Le Porte del Parco prevedono:

  • possibilità di sosta sicura per alcune auto
  • approvvigionamento di acqua potabile (se disponibile)
  • tavoli con panchine e cestini per rifiuti
  • illuminazione notturna totem/bacheche riportanti: planimetria di tutto il Parco e focus sulla zona specifica, informazioni sul Parco (emergenze naturalistiche e storiche, Punti Accoglienza...), descrizione dei principali itinerari della zona, numeri utili/orari (Punti Accoglienza, guide, IAT, servizi turistici...), regole da rispettare nel Parco, spazio per informazioni in merito alla programmazione di attività ricreative culturali della stagione in corso e comunicazioni

Alcune Porte del Parco, quelle posizionate nei pressi delle aree più turistiche, prevedranno (a meno che non sia già presente un campeggio) anche un area di sosta attrezzata per alcuni camper, con la possibilità quindi anche di collegarsi alla rete elettrica e di scaricare in modo corretto acque grigie ed i reflui dei wc chimici.
Le Porte saranno rese coordinate mediante delle Linee Guida a cui tutti i progettisti dovranno far riferimento.

Tutte le Porte del Parco

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr