Attività didattiche del Progetto Life EXtra

I moduli didattici in cui è articolato il Wolf Kit sono volti ad approfondire le conoscenze in merito alla biologia e all'ecologia alimentare del Lupo e a sviluppare un atteggiamento critico, attivo e propositivo sul tema del conflitto tra Lupo e pastorizia. Ogni modulo didattico è supportato da un documentario italiano sul Lupo di indubbio impatto visivo e comunicativo e può essere sviluppato autonomamente in classe dall'insegnante o con il supporto dei tecnici Life. Il tema chiave è quello della "convivenza possibile", cioè della ricerca di un equilibrio tra esigenze di sviluppo e mantenimento delle attività economiche da un lato ed esigenze di conservazione della natura e delle sue specie dall'altro. Ovunque il Lupo sia presente in Europa, è chiaro ormai che la sua conservazione sia oggi più una questione socio-politica che biologica, e dunque il coinvolgimento delle diverse componenti sociali, le attività di informazione e divulgazione, la gestione del conflitto sono argomenti di grande attualità e che meritano di essere affrontati a partire proprio dalla fascia scolastica, quella fascia dell'opinione pubblica più sensibile e ricettiva.
I moduli, rivolti in particolare alle scuole medie inferiori, ma adattabili a tutte le scuole, dall'infanzia alla secondaria di secondo grado, saranno concordati direttamente con gli insegnanti e prevedono incontri in aula ed esperienze sul territorio.

Moduli didattici

  1. Reno, Ligabue e il radiocollare: storia di due lupi salvati in Provincia di Parma, dai primi istanti del ritrovamento al ritorno alla libertà. Presentazione in powerpoint (testo, immagini e brevi filmati realizzati con fototrappole nel territorio del Parco nazionale) con supporto di due documentari realizzati in Provincia di Parma e documentario sulla radiotelemetria realizzato presso il Parco nazionale del Pollino (Wolf Kit).
  2. Il ritorno del Lupo: illustrazione del ritorno di un grande predatore in Appennino. Presentazione in powerpoint (testo, immagini e brevi filmati realizzati con fototrappole nel territorio del Parco nazionale) con supporto di documentario realizzato in Provincia di Parma e documentario realizzato presso l'Area Faunistica del Monte Amiata e il Parco nazionale del Pollino (Wolf Kit).
  3. Il Lupo e l'Uomo, nemici amici: analisi del conflitto con le attività antropiche, il bracconaggio, le soluzioni possibili. Presentazione in powerpoint (testo, immagini e brevi filmati realizzati con fototrappole nel territorio del Parco nazionale) con supporto di documentario realizzato presso il Parco nazionale del Pollino (Wolf Kit).
  4. Il Lupo tra mito e realtà: l'occasione per demolire credenze e leggende popolari, diffondendo un'informazione corretta. Presentazione in powerpoint (testo, immagini e brevi filmati realizzati con fototrappole nel territorio del Parco nazionale).

Le  visite guidate al territorio del Parco nazionale, negli stessi luoghi in cui i tecnici del Parco nazionale svolgono le attività di monitoraggio, rappresentano l'occasione per immergersi negli ambienti frequentati dal Lupo e vivere in prima persona il lavoro del ricercatore. Durante l'escursione è infatti possibile effettuare simulazioni delle attività di monitoraggio del Lupo (wolf-howling, snow-tracking, scat-trail).
E' possibile aderire alle proposte formative con le seguenti opzioni di scelta:

  • 1 intervento didattico a scuola
  • 1 intervento didattico a scuola + uscita sul territorio
  • solo uscita sul territorio: mezza giornata oppure giornata intera

L'adesione a queste iniziative è gratuita.
E' necessaria la prenota-zione presso l'Ente Parco Nazionale dell'Appennino tosco-emiliano.

Info e iscrizioni: life-extra@parcoappennino.it - Tel. 0522/899402

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr