Il Progetto Life Ex-Tra (Experience - Transfer) "Improving the conditions for large carnivore conservation - a transfer of best practices" (Miglioramento delle condizioni per la conservazione di grandi carnivori - trasferimento delle migliori pratiche) si svolge in quattro paesi ed è cofinanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del Programma LIFE. Il Progetto ha come obiettivo generale lo scambio di esperienze tra diversi paesi del sud-est europeo (Romania, Bulgaria e Grecia) ed aree protette italiane per incrementare le conoscenze in merito alle migliori forme di conservazione di Lupo e Orso. Prevede, infatti, l'arricchimento delle attitudini e delle competenze di tutti gli attori coinvolti nei vari aspetti essenziali della conservazione dei carnivori, quali ad esempio: aspetti biologici, ecologici ed etologici, interazione con altre specie, gestione della conflittualità ambientale e coinvolgimento dei diversi portatori d'interesse. L'idea del progetto è nata dall'esperienza maturata dallo sviluppo del precedente LIFE COEX "Improving coexistence of large carnivores and agricolture in Europe" (LIFE04NAT/IT/000144), che si è svolto dal 2004 al 2008. Questo progetto ha fatto considerevoli sforzi e ha raccolto esperienze nell'ambito della prevenzione dei danni causati dai grandi carnivori al bestiame domestico, cercando di comprendere le esigenze degli agricoltori e allevatori locali e contribuendo alla diffusione dell'utilizzo di mezzi di prevenzione del danno come recinzioni elettrificate e cani da difesa.
In questo contesto il progetto EX-TRA nasce con l'intento di trasferire le buone pratiche nei nuovi siti individuati dai partners, e di condividere esperienze utili già acquisite dai partners stranieri. Il valore aggiunto Il valore aggiunto della collaborazione dei partner italiani con i colleghi rumeni, bulgari e greci risiede nel fatto che in questi paesi le popolazioni di lupo e orso sono in parte più consistenti e le strategie di gestione sono caratterizzate dalle diverse condizioni locali.


I partnes

Il beneficiario principale del progetto è L'Ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga.
I partner e le relative aree di progetto sono:

Italia

  • Parco Nazionale Monti Sibillini, con i seguenti SIC/ZPS: IT5330001 "Monte Ragnolo e Monte Meta", IT5330002 "Val di Fibbia - Valle dell'Acquasanta", IT5340019 "Valle dell'Ambro", IT5330005 "Monte Castel Manardo - Tre Valli", IT5330017 "Gola del Fiastrone", IT5330003 "Rio Terro", IT5330004 "Monte Bove", IT5340020 "Valle dell'Infernaccio", IT5330006 "Faggete del San Lorenzo", IT5340016 Monte Oialona - Colle Propezzano", IT5330007 "Pian Perduto", IT5340017 "Colle Galluccio", IT5340014 "Monte Vettore e Valle del Lago di Pilato", IT5340012 "Boschi ripariali del Tronto", IT5330023 "Gola della Valnerina - Monte Fema", IT5330008 "Rapegna - Cardosa", IT5340013 "Monte Porche - Palazzo Borghese - Monte Argentella", IT5210059 "Marcite di Norcia", IT5210052 "Piani di Castelluccio di Norcia", IT5210051 "Monte Patino - Val Canatra", IT5210046 "Valnerina"
  • Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, con i seguenti SIC/ZPS: IT7110202 "Gran Sasso", IT7110209 "Primo Tratto del fiume Tirino e Macchiozze di S. Vito", IT7120213 "Montagne dei Fiori e dei Campli e Gole del Salinello", IT7120201 "Monti della Laga e Lago di Campotosto", IT7130024 "Monte Picca - Monte di Roccatagliata", IT6020025 "Monti della Laga", IT6020002 "Lago Secco e Agro Nero", IT5340007 "San Gerbone", IT5340008 "Valle della Corte", IT5340009 "Macera della Morte", IT5340010 "Monte Comunicatore", IT5340012 "Boschi ripariali del Tronto", IT5340018 "Fiume Tronto tra Favalanciata e Acquasanta"

Romania

  • Facoltà di Silvicoltura dell'Università di Brasov, Romania
  • Dalnic - un'area collinare con elevate densità di grandi carnivori e importanti attività zootecniche;
  • Sacele - un massiccio montuoso importante per la presenza dei grandi carnivori, contenente due siti Natura 2000: ROSCI0038 Ciucas e ROSCI0195 Piatra Mare

Bulgaria

  • ONG Balkani Wildlife Society e Ministero dell'Ambiente e delle Acque;
  • Aree Sredni e Zapadni nei Monti Rodopi (BG0001031 e BG0001030);
  • Parco Nazionale Monti Pirin (BG0000209);
  • Parco Nazionale dei Balcani Centrali (BG0000494);
  • Monti Rila (BG0000495);
Grecia
  • Wildlife and Nature Conservation Society (ONG);
  • tre siti Natura 2000 localizzati in Tessalia, Prefettura di Trikala: GR1440001 "Aspropotamos", GR1440002 "Kerketion Oros (Koziakas)" e GR1440003 "Antichasia Ori Meteora"

Info e iscrizioni: life-extra@parcoappennino.it - Tel. 0522/899402

Attività didattiche del Progetto Life EXtra

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr