Cuore nel Parco - Camminare Bismantova

Camminare tra le bellezze del Parco per tutti

Il Parco Nazionale con la collaborazione del Servizio Sanitario Regionale e dell'Associazione il Cuore della Montagna vuole offrire un servizio e promuovere l'opportunità di camminare tra le bellezze del Parco e, in particolare, a Bismantova per tutti; anche per chi per età, malattia cardiaca o altre ragioni, non gode di ottime condizioni di forma fisica.

Dall'esigenza di creare percorsi riabilitativi per i pazienti della Cardiologia dell'Ospedale S. Anna di Castelnovo ne Monti, nasce dal dott. Umberto Guiducci, già responsabile della Rete Cardiologica Provinciale, l'idea di realizzare un itinerario per tutti. Il movimento fisico, a tutte le età, è salutare e previene molte malattie tipiche del nostro tempo, quindi l'invito a passeggiare su questo percorso all'ombra della Pietra di Bismantova è rivolto a chiunque sia interessato al proprio benessere psico-fisico.
Il progetto prevede la possibilità di compiere il percorso sia autonomamente, attraverso la segnaletica stradale e la presente cartina, sia accompagnati.
Una volta a settimana è infatti prevista una escursione collettiva, condotta da insegnanti di educazione fisica adeguatamente preparati e collegati, per via telematica, con il Centro di Cardiologia dell'Ospedale S. Anna.

Per informazioni: "Il Cuore Della Montagna", Ferrari Romeo
Via F.lli Cervi, 2/B - 42035 Castelnovo Monti (RE)
Tel. 0522/812893 - www.ilcuoredellamontagna.com - asscuoremontagna@libero.it

Il percorso
Il percorso, previsto in territorio nel Comune di Castelnovo ne' Monti, è lungo complessivamente 3,7 Km.
Inizia dopo aver oltrepassato l'incrocio tra Carnola e Ginepreto, e segue la strada verso Vologno. L'itinerario si snoda attraverso campi, ruscelli e rade macchie di quercia fino ad arrivare ad un primo punto di sosta, allestito con panchine ed indicazioni. Oltrepassata quest'area si raggiunge un bivio che sale a sinistra alla chiesa di Ginepreto, e in questo punto la strada incrocia il sentiero Spallanzani, un itinerario per escursionisti dedicato al naturalista reggiano che attraversa la provincia da Scandiano a S. Pellegrino in Alpe. Imboccando il sentiero Spallanzani, verso destra, si scende lungo la valle dei Gessi Triassici in direzione di Sologno, mentre il percorso "Col cuore nel Parco" prosegue per la via principale. Poco più avanti, a sinistra, si incontra nuovamente la possibilità di percorrere il sentiero Spallanzani, che, attraverso una ripida salita, raggiunge la chiesa di Ginepreto e la sommità della Pietra di Bismantova. Seguendo il percorso per la strada principale si attraversa Ginepreto, piccolo borgo caratteristico del Comune di Castelnovo ne' Monti, dopo il quale nuovamente ci si immerge nel paesaggio agreste, fino ad arrivare alla chiesa di San Prospero a Vologno. Questa chiesa, citata già nel 1302, è posta in una perfetta posizione panoramica sui fianchi boscosi della valle dei Gessi Triassici. L'arrivo del percorso con l'area attrezzata per la sosta si trova in posizione panoramica sulla Pietra e i Gessi Triassici, spostato verso destra in una piazzola a poche decine di metri dalla chiesa, lungo la strada sterrata che porta al cimitero.

Cartina del percorso

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr