Il Wolf Apennine Center del Parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano è attualmente impegnato in attività gestionali del problema ibridazione lupo-cane, sul fronte tecnico come su quello di confronto con altri enti, gruppi di lavoro e associazioni animaliste potenzialmente interessati all'argomento. Per implementare le conoscenze circa la diffusione di questo fenomeno, abbiamo creato un Osservatorio Ibridi 

L'obiettivo di questo sito è di assemblare il maggior numero di immagini possibile che riguardano gli ibridi o individui che mostrano caratteristiche fenotipiche anomale rispetto alla specie selvatica, cioè al Lupo (Canis lupus). Questa banca dati unica sarà utile a valutare, ed eventualmente aggiungere all'elenco attuale delle caratteristiche considerate anomale per lo standard della specie Lupo, altre tipologie di "difformità fenotipica".


Ad oggi le caratteristiche fenotipiche il cui significato come segnale di ibridazione è stato validato da riprove di carattere genetiche sono:

  • Colorazione e melanica (Anderson et al. 2009, Greco 2009).
  • Speroni sulle zampe posteriori (Ciucci et al. 2003).
  • Unghie depigmentate (Greco 2009).

Oltre a queste esiste una serie di altre caratteristiche fenotipiche che possono contribuire all'identificazione degli ibridi, ma dovrebbero essere sistematicamente controllate, descritte, quantificate, nonché verificati con riprove genetiche al fine di aumentare l'affidabilità come indice di ibridazione (Ciucci 2012, Reazione Tecnica del Progetto Ibriwolf).

  • La depigmentazione totale o parziale del tartufo, di cuscinetti plantari e delle gengive
  • La minore consistenza delle vibrisse nasali
  • Coda con pelo eccessivamente lungo o portata in posizione arcuata o a bandiera
  • Mascherina facciale, assente, o di confini cromatici più contrastati, netti e definiti.
  • L'assenza di labiale e sottogola color crema
  • Macchie oculari assenti o particolarmente marcate.

Il processo ideale a cui si dovrebbe mirare è quello di riuscire a fare corrispondere un fenotipo considerato anomalo ad una conferma di ibridazione di tipo genetico. Questo processo, per diversi motivazioni è complicato, ma la descrizione più completa di quelle che sono le caratteristiche morfologiche  che si riscontrano in natura negli individui considerati anomali (e potenzialmente ibridi) può rappresentare un primo passo del processo.

Esistono due tipologie di caratteri potenzialmente utilizzabili per l'identificazione degli ibridi, i cosiddetti marcatori morfologici, o più ingenerale fenotipici ed i marcatori genetici. I marcatori fenotipici possono essere di grande valore pratico per il riconoscimento immediato di individuo ibrido in natura, ma soffrono di problemi sostanziali teorici e pratici. Ci sono molti fattori infatti che limitano l'interpretabilità dei marcatori fenotipici (Ciucci 2012).

Si prega di allegare la foto accompagnata da alcune informazioni di base. VEDI DOCUMENTO WORD DA SCARICARE.

Inviare il materiale fotografico con relative informazioni alla mail: life-extra@parcoappennino.it

Stiamo aggiornando questa pagina, nel frattempo per vedere alcune immagini riportiamo il link provvisiorio http://ibridi-appennino.jimdo.com

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr