Progetto Wee Green

Parco e Web per la ricostruzione della foresta appenninica

Si chiama 'Wee Green' l'accordo fra il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco  Emiliano e lo Studio Associato Rimini - Weevo.it per compensare l'inquinamento provocato da Internet e dai suoi utilizzatori.

Gli internauti avranno, quindi da oggi, la possibilità di ricostruire i boschi di Appennino.

Le reti informatiche, e la tecnologia legata ai computer, sono sicuramente più veloci e 'pulite' di un'autostrada o di un ingorgo di autoveicoli; chi sceglie la rete per lavorare, comunicare o passare il tempo libero sicuramente pesa meno sull'effetto serra, ma attenzione: studi recenti dimostrano che anche dai siti web derivano pesanti eco-impatti.
L'information tecnology contribuisce, infatti, annualmente all'incremento di gas serra in atmosfera con circa 630 milioni di tonnellate di CO2. L'inquinamento rilevato deriva dal consumo energetico e dalle conseguenti emissioni prodotte principalmente dagli utenti di internet con i propri computer e schermi, dai server e dalle così dette webfarm, cioè i locali in cui le grandi apparecchiature informatiche sono situate e che spesso hanno dei generatori di emergenza a gasolio. Ogni webfarm ha un sistema di aria condizionata, per mantenere fredda l'aria all'interno delle stanze, e in alcuni casi, sono dotati di sistemi di risucchio dell'ossigeno, che si attivano in caso d'incendio. Infrastrutture, reti, cavi, processori, server, arrivano a produrre il 2% delle emissioni globali e Google afferma che per ogni ricerca effettuata attraverso il suo motore vengono emessi 0,2 grammi di anidride carbonica.

Considerando quanto emerso da queste nuove ricerche, lo Studio Associato Rimini - Weevo.it, operante in vari settori, tra i quali impatti ambientali, energie rinnovabili ed efficienza energetica, ha scelto di intraprendere alcune azioni di sensibilizzazione. La prima è stata quella di realizzare un brand Wee Green (Weevo.it) per realizzare siti a basso impatto ecologico. L'ultima iniziativa è quella di proporre agli utilizzatori di siti internet di compensare l'inquinamento prodotto investendo nella ricostruzione e nella salvaguardia delle foreste del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco  Emiliano. La quota richiesta per partecipare al progetto è tale da compensare le proprie emissioni di CO2.

A tal fine, il Parco Nazionale e lo Studio Rimini - Weevo.it hanno sottoscritto l'accordo 'WEE GREEN' in base al quale i clienti potranno finanziare indirettamente interventi di ricostruzione della foresta appenninica, che verranno effettuati dal Parco Nazionale in base ad una metodologia messa a punto con due progetti finanziati dall'Unione Europea, rendendo di fatto i servizi web acquistati presso WEEVO, eco sostenibili.

I territori coinvolti nel Parco dell'Appennino, infatti, hanno maturato esperienze di ricostruzione forestale durante i progetti LIFE-NATURA "Misure di salvaguardia delle popolazioni relitte di Abies alba Miller, Picea excelsa Lam., Taxus baccata L. e dei loro habitat naturali sul l'Appennino Emiliano" e LIFE-NATURA "Conservazione delle abetaie e faggete appenniniche in Emilia-Romagna".

La PDF Delibera e laPDF  Convenzione fra Parco nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano e Studio Associato Rimini - Weevo.it per la realizzazione del progetto Wee Green, è consultabile online.

Guarda i video: Anno internazionale delle foreste 2011 (spot FAO) - Give Earth a Hand

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr