Un patrimonio dalla storia, un futuro da costruire

La natura, i secoli e il lavoro dell'uomo hanno forgiato sul crinale e i versanti appenninici tra Emilia e Toscana paesaggi e ambienti del tutto tipici. Essi riuniscono in uno spazio relativamente contenuto un insieme di tesori di biodiversità, di cultura, di conoscenza, di socialità, che è imperativo preservare. Per la bellezza dei luoghi, per l'identità delle comunità, per il contributo che ne può ancora venire alla salute e alla bellezza del Pianeta.

La decisione delle istituzioni locali, delle organizzazioni sociali ed economiche, dello Stato, di candidare l'Appennino Tosco-Emiliano a Riserva MaB - Man and Biosphere dell'Unesco, nasce dalla volontà di rispondere a questo imperativo. Puntando sulla possibilità di investire sulla formazione delle risorse umane, di innovare strategie e politiche per esaltare l'utilità dei servizi ecosistemici del territorio e le migliori e storiche caratteristiche della sua gente.

Per le future generazioni:

Un patto è stato siglato tra gli attori locali, dietro la spinta del Parco Nazionale:
  • un patto per la conservazione: che vuole rinnovare il rapporto di equilibrio tra uomo e ambiente nell'Appennino Tosco-Emiliano, studiare e tutelare la biodiversità, promuovere le produzioni agro-alimentari di qualità; contrastare il dissesto idrogeologico;
  • un patto per lo sviluppo: che mira a valorizzare i paesaggi legati ad attività agro silvo pastorali di tradizione, mettere a frutto cultura, storia e socialità, sostenere l'agricoltura estensiva di montagna, promuovere il turismo sostenibile;
  • un patto per la coesione sociale: basato sull'educazione alla sostenibilità, il contrasto alla dispersione e all'abbandono, il rafforzamento e il miglioramento degli strumenti di governo.

Vai sul sito della Riserva MaB: www.mabappennino.it

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr