Storia sulle montagne e nelle vallate dell'Appennino Tosco-Emiliano

I territori del Parco rappresentano un paesaggio naturale di notevole qualità, ma che al tempo stesso non esclude una forte componente antropizzata, presente fin dalle epoche antiche. Questa componente, sulle montagne e nelle vallate dell'Appennino Tosco-Emiliano, ha trovato la forma più frequente del borgo.
Numerosi, infatti, i borghi punteggiano il paesaggio delle province del Parco: diversi presentano un notevole interesse storico ed architettonico, spesso sono stati accuratamente ristrutturati e, in percentuale sempre maggiore, vengono tuttora abitati, vissuti e sottratti al progressivo abbandono.

Localizza tutti i Borghi sulla mappa

Licciana Nardi (MS)
San Romano in Garfagnana (LU)
San Romano in Garfagnana (LU)
Villa Minozzo (RE)
Comano (MS)
Licciana Nardi (MS)
Villa Minozzo (RE)
Ligonchio (RE)
Ramiseto (RE)
Ramiseto (RE)
Villa Minozzo (RE)
Collagna (RE)
Busana (RE)
Villa Minozzo (RE)
Licciana Nardi (MS)
Villa Collemandina (LU)
Ligonchio (RE)
Castelnovo ne' Monti (RE)
Villa Minozzo (RE)
Villa Minozzo (RE)
Ramiseto (RE)
Castelnovo ne' Monti (RE)
Villa Minozzo (RE)
Villa Minozzo (RE)
Giuncugnano (LU)
Ligonchio (RE)
Ligonchio (RE)
Villa Minozzo (RE)
Ramiseto (RE)
Ramiseto (RE)
Villa Minozzo (RE)
Ramiseto (RE)
Busana (RE)
Villa Minozzo (RE)
Castelnovo ne' Monti (RE)
Licciana Nardi (MS)
Giuncugnano (LU)
Filattiera (MS)
Castelnovo ne' Monti (RE)
Villa Collemandina (LU)
Corniglio (PR)
Fivizzano (MS)
Villa Minozzo (RE)
Ramiseto (RE)
Castelnovo ne' Monti (RE)
Licciana Nardi (MS)
Licciana Nardi (MS)
Licciana Nardi (MS)
Comano (MS)
Collagna (RE)
Fivizzano (MS)
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr