Sesta Inferiore, piccola frazione in Comune di Corniglio, rappresenta un "luogo unico" nel panorama paesaggistico dell'Alta Val Parma, per la posizione, per i suoi caratteri architettonici tipici, ma soprattutto per un aspetto particolare. Dai muri delle sue abitazioni si affacciano figure, personaggi, presenze: sono i dipinti realizzati tra anni Sessanta e Settanta dall'artista Walter Madoi, che aveva eletto Sesta quale cornice ideale per il proprio lavoro.

Sesta Inferiore è oggi un museo all'aperto delle opere di Madoi

Walter Madoi (1925-1976) è sicuramente uno degli artisti parmigiani più significativi del dopoguerra. Giovanissimo segue l'esperienza partigiana sulle montagne dell'Alta Val Parma che segnerà la sua vita artistica e il suo impegno civile. Dopo aver frequentato l'Accademia di Brera a Milano, e dopo una breve parentesi dedicata all'insegnamento e all'attività pubblicitaria, si dedica interamente alla pittura, alla scultura e all'affresco. Uno dei suoi atelier era proprio a Sesta, paese d'origine dell'amata moglie Isabella e in cui trascorreva lunghi periodi durante il corso dell'anno.

Nella piccola frazione dell'Appennino parmense l'artista ha realizzato una serie di affreschi sui muri esterni dei fabbricati, raffiguranti personaggi del luogo e scene di vita quotidiana che richiamano un senso di "trompe l'oëil", ma anche personaggi del mondo dello spettacolo, attori, cantanti del periodo. A questi si aggiunge il grande e complesso ciclo della Crocifissione, realizzato per la piccola chiesa del luogo: il ciclo occupa interamente le pareti e l'abside dell'edificio e compone una scena di forte suggestione, i cui attori hanno avuto come modelli gli stessi abitanti del paese.

La figura e l'opera di Walter Madoi hanno avuto un ruolo, un peso e forse hanno condizionato in modo profondo la vita di Sesta: il momento dell'esecuzione, l'eredità delle opere da parte del paese e il loro passaggio attraverso il tempo hanno determinato, e continuano a farlo, diverse percezioni ed approcci nei confronti della figura dell'artista.

Ad oggi alcuni dei dipinti, soprattutto esterni, non sono più leggibili, a causa di diversi fattori, soprattutto meteorologici, altri parzialmente mal conservati, altri ancora presenti.
Località: Corniglio  (PR) | Regione: Emilia-Romagna | Localizza sulla mappa
Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr