Con Autunno d'Appennino la memoria e il folklore si trasformano in cultura e turismo

Valorizzare il territorio significa anche recuperarne gli elementi più caratteristici, percorrendo un viaggio nella storia locale e immergendosi in tradizioni secolari.

L'autunno nel Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano è una stagione ricca di colori e prodotti, di sapori e suggestioni, di iniziative ed eventi.

Il clima ancora mite, soprattutto sul versante toscano, permette di svolgere molte attività all'aria aperta, godendo del caleidoscopio di colori che la natura offre in questa stagione.

Gli appassionati possono percorrere tutti gli itinerari di trekking, bicicletta ed Equitazione. Anche l'ampia parete della Pietra di Bismantova esposta a sud consente agevolmente la pratica dell'arrampicata sportiva, sport molto apprezzato e che richiama un notevole afflusso di appassionati.

L'Autunno è tutt'altro che una stagione di decadenza. I boschi sono ricchi di prodotti: funghi, castagne e tartufi che danno spunto all'organizzazione di decine di sagre e feste paesane in cui tradizione e divertimento si mescolano per accogliere al meglio turisti di ogni età.

Non a caso è l'Autunno la stagione che il Parco Nazionale ha scelto per il suo concorso Menù a km zero, per la ricchezza di prodotti e sapori che sa offrire ai clienti dei ristoranti.

L'Autunno è anche Castagneto-scuola, i soggiorni scolastici sul territorio, alla scoperta della storia, delle tradizioni e dei prodotti tipici.

Da quest'anno il Parco Nazionale ha un blog per annunciare e raccontare tutti gli eventi dell'Autunno d'Appennino.
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr