Famiglia del ceppo degli Obertenghi, da Oberto I, intorno al X secolo conte palatino e marchese di Milano, della Liguria orientale e di parte del Piemonte. Attraverso i suoi discendenti si giunge ad Alberto, detto Malaspina, morto nel 1140, capostipite della nobile famiglia, i cui membri come vassalli imperiali reggono quei feudi che interessano, dalla Liguria alla Lombardia, anche la Lunigiana e la Garfagnana.

Nel 1473 nasce il Ducato di Massa e Carrara ad opera di Iacopo Malaspina e nel corso del '500 la casata governante prende il nome di Cybo-Malaspina, in seguito ad un matrimonio, dando inizio ad un fiorente periodo, soprattutto grazie allo sviluppo del mercato del marmo.
Nel 1738 Maria Teresa, ultima discendente, sposa Ercole I d'Este, erede del Ducato di Modena: da questo momento è la casata degli Estensi a dominare su entrambi i territori, fino all'invasione di Napoleone del 1796.
Quello che resta della famiglia dei Malaspina è mantenuto in essere dalla persistenza della pietra: sono i castelli che in Lunigiana e Garfagnana arricchiscono di storia i territori del Parco: il Castello di San Giorgio nel Comune di Filattiera, trasformato in residenza signorile Malaspina nel XV sec. da un 'antica roccaforte bizantina; il Castello della Verrucola, nel Comune di Fivizzano, fortezza di un vassallo matildico notevolmente ampliata ed arricchita da Spinetta Malaspina Il Grande nel 1300; il Castello di Terrarossa, nel Comune di Licciana Nardi, eretto da Fabrizio Malspina nel XVI sec. a controllo della Via Francigena; il Castello della Bastìa, sempre nel Comune di Licciana Nardi, definito "invulnerabile" da Ariosto, costruito per controllare l'accesso al valico del Lagastrello dai Malaspina.

Altre info: it.wikipedia.org/wiki/Malaspina

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr