Sport invernali

Sull'Appennino tosco-emiliano l'attività sportiva sulla neve è una tradizione profondamente radicata

Attorno e dentro il territorio del Parco nazionale gravitano oggi diverse stazioni sciistiche rinomate a livello nazionale. Tra queste Cerreto Laghi, nel comune di Collagna, che negli ultimi anni ha compiuto forti investimenti sul miglioramento delle strutture e degli impianti di risalita: per lo sci alpino offre circa 30 km di piste di varia difficoltà. Nella stessa località è attivo anche il grande palazzetto del ghiaccio coperto, con pista olimpica.
La stazione di Febbio, nel comune di Villa Minozzo, con la pista "2000" che arriva all'altitudine che le dà il nome, conta su 25 km di piste.
A completare un comprensorio ricco di opportunità, vanno ricordati Ventasso Laghi e Prato Spilla.

Negli ultimi anni grande attenzione è stata riservata al rilancio dello sci di fondo: un punto di riferimento è costituito dal centro «NeveNatura» di Pianvallese, a due passi da Febbio, che consente di praticare sci di fondo, con anello omologato da 3,5 km, sci di fondo escursionismo, winter weg, nordic walking e ciaspole. La struttura, molto accogliente, è posta ai margini di una pregiata torbiera d'alta quota, ed offre ai visitatori spogliatoi, noleggio attrezzature e la possibilità di lezioni e corsi. Altri percorsi battuti per lo sci di fondo si trovano in molte splendide località del crinale: tra le principali, Pratizzano, Succiso e l'anello del lago Pranda.

Chi ama lo scialpinismo può cimentarsi su varie cime, tra cui il monte Prado (m 2053), l'Alpe di Vallestrina (m 1930), il monte Cusna (m 2120), il monte Cavalbianco (m 1853), il monte La Nuda (m 1893), il gruppo del monte Casarola (m 1979) e dell'Alpe di Succiso (m 2017), il monte Marmagna (m 1851) e il monte Tondo (m 1781). E' consigliabile dotarsi di tutte le adeguate attrezzature, anche di sicurezza (pala, arva e sonda) e informarsi accuratamente su condizioni di innevamento e previsioni meteo.

Chi, infine, non ha dimestichezza con gli sci può comunque godersi il contatto con l'Appennino innevato grazie alle "ciaspole", le racchette da neve. Escursioni di questo tipo, anche in notturna con la luna piena, vengono proposte durante l'inverno dai rifugi e dalla cooperativa I Briganti di Cerreto. In tutto il versante settentrionale del Parco vi sono strutture dove è possibile noleggiare le racchette da neve, e trovare indicazioni e materiali sui percorsi che meglio consentono di apprezzare le valenze ambientali e paesaggistiche del territorio:

Chi non si accontentasse di salire a piedi o con le mani nude verso il cielo, ma volesse librarsi in volo, può divertirsi con il deltaplano o il parapendio.
Località individuate come ideali sono la vetta del Cusna e la cima del monte Prampa: si vola abitualmente di sabato e domenica. Nel periodo estivo è possibile raggiungere le posizioni migliori per il decollo attraverso l'impianto di risalita di Febbio, le cui seggiovie sono in funzione nei weekend estivi e tutti i giorni in agosto.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr