Escursione botanica lungo il più classico degli itinerari del Parmense: da Lagdei, al Lago Santo e al Monte Marmagna

Sabato 7 Settembre 2019

Iniziativa a cura di: Aster Book
Le ultime giornate dell'estate riservano ancora sorprese e spunti di interesse in Alta Val Parma all'interno del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano. Avremo modo di osservare vari ambienti: dalle faggete alle pietraie, dalle zone umide alle brughiere fino alle praterie sommitali. Impareremo a dare un nome agli abitanti del mondo vegetale  e cercheremo di indagare sui legami tra piante, animali e natura del suolo. E così, camminando su "arenaria macigno" di cui è composta la natura geologica del crinale, raggiungeremo il  Marmagna e dall'alto della vetta domineremo con lo sguardo  l'immenso panorama che si apre intorno a noi. Al ritorno nel pomeriggio sosta con ricca merenda (€ 15) al Rifugio Lagdei, centro visita del Parco. Prenotazione obbligatoria. Con Luigi Ghillani, erborista e divulgatore botanico.

  • Dislivello 600 m, percorrenza soste escluse 3,5 ore. Necessario pranzo al sacco, scarpe da trekking, giacca a vento e/o mantella impermeabile, acqua e cibo secondo necessità, macchina fotografica e strumenti di osservazione.
  • Possibilità di partenza insieme da Parma ore 8.30 dal Parcheggio Scambiatore Sud. Partecipazione libera.  In caso di maltempo (pioggia) l'escursione sarà annullata.

Prenotazione obbligatoria: Luigi Ghillani  cell. 348 4104496 - www.asterbook.it


Tag: escursioni
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 9.45   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr