Notte dei desideri - Stelle cadenti di San Lorenzo (Perseidi)

Escursione notturna in una notte di stelle cadenti e altre magie

Venerdì 10 Agosto 2018

Iniziativa a cura di: Guide Ambientali Escursionistiche
Le notti dei desideri sono notti in cui sono più probabilli le osservazioni delle stelle cadenti perchè l'orbita della Terra incrocia zone di pulviscolo spaziale (spesso residui di comete) che può appunto generare il fenomeno delle stelle cadenti che noi osserveremo da posizione privilegiata. Questa sera le stelle cadenti più note e spettacolari dell'estate ci faranno compagnia: le Perseidi, note anche come lacrime di San Lorenzo! Da mettere nello zainetto dell'escursione questa sera dunque un ingrediente in più: una bella scorta di desideri!  Sentieri adatti a tutti coloro che sono disposti a faticare un po'. E oltre le stelle cadenti, la suggestione dei rumori del bosco e dei suoi abitanti, e storie e le leggende della tradizione.

  • Dislivello 250 m massimo, percorrenza soste escluse 2,5 ore.
  • Adatta a bambini sopra i 7 anni. Necessario giacca a vento, abbigliamento e calzature da escursione, torcia possibilmente frontale, consigliati bastoncini da trek. (Possibilità di prenotare alla guida anche la cena, alla carta, al Rifugio).
  • Costo: € 13 adulti, 7 bambini. 

Info e prenotazioni obbligatorie Guida A.E. Antonio Rinaldi cell. 328.8116651 - antonio.rinaldi.76@gmail.com - www.terre-emerse.it


Tag: escursioni, notturne
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 21.00   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr