Le voci degli animali in una … Notte di luna nera

Escursione nel silenzio per ascoltare il respiro del bosco

Sabato 18 Luglio 2015

 Iniziativa a cura di: Guide Ambientali Escursionistiche
È difficile ormai trovarlo come è difficile trovare l'acqua limpida e l'aria pura. In una delle zone più buie del Nord Italia (come mostrano le mappe dell'inquinamento luminoso), nel cuore del Parco Nazionale dell'Appennino tosco emiliano, questa sera, in una notte senza Luna, torneremo a far conoscenza con il padre di tutte le paure dell'uomo: il buio. Durante l'escursione faremo soste, a torcia spenta, in particolare per ascoltare i rumori degli animali del bosco, i ghiri, i rapaci notturni e tutti gli altri. Alle 19,30, per chi vuole, ci si trova per mangiare insieme al Rifugio: cena in tavolata, con menu libero, alla carta. Alle 20,45 ci si raduna davanti al Rifugio e alle 21 si parte per l'escursione.
Dislivello 250 m, percorrenza soste escluse 2,5 ore. Adatte a bambini sopra i 6-7 anni. Necessario giacca a vento, abbigliamento e calzature da escursione, torcia possibilmente frontale. Costo: € 13 adulti, 6 bambini. 
Info e prenotazioni obbligatorie escursione e cena in tavolata: Guida A.E. Antonio Rinaldi cell. 328.8116651 antonio.rinaldi.76@gmail.com - www.terre-emerse.it


Tag: escursioni, notturne
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 21.00   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr