Quinta edizione del contest dedicato alla farina di castagne prodotta tra Emilia e Toscana

( Sassalbo, 29 Novembre 2022 )


Giovedì 29 dicembre a Sassalbo presso la Sede del Parco dalle ore 16


Dopo qualche anno di stop torna Dolce&Farina, il quinto contest , cioè una gara tra i produttori di farina di castagne della Riserva di Biosfera UNESCO dell'Appennino Tosco Emiliano.

Un'occasione speciale, sia per le aziende partecipanti, sia per un pubblico sempre più attento alle produzioni di qualità.


La filiera della castagna è un percorso antico che da sempre lega le comunità d’Appennino alle loro montagne. Il castagno è stato per secoli  “l’albero del pane”. Per molti piccoli borghi il recupero della
castagna, la riaccensione degli essiccatoi e le fasi di produzione della preziosa farina, rappresentano un ritrovato senso di comunità; un lavoro per tutti i mesi autunnali, fino all’inverno, che riporta le persone a
stare insieme per un bene che torna ad essere collettivo. L’importanza della farina è tale che il suo valore sociale è tornato anche ad essere economico. Un valore riconosciuto che per molti
produttori è anche certificato dalla DOP.

I produttori di farina di castagne, realizzata con metodo tradizionale, espressione dei quattro versanti del crinale Tosco Emiliano, saranno presenti per contendersi un titolo che, sicuramente è simbolico, ma che diventa un'occasione per rafforzare la rete di sinergie e collaborazioni anche del progetto Upvivium Biosfera Gastronomica Menù a Km 0.
Il contest inizierà con l'analisi sensoriale del prodotto delle aziende partecipanti da parte di una giuria di esperti del territorio e non, si proseguirà, quindi, con la degustazione di diversi piatti a base di farine di castagne prodotte delle aziende in competizione, realizzate dal Ristorante Fiorini di Sassalbo che ha la sua sede all'interno di un castagneto secolare, dal Ristorante Gambin di Podenzana e dai Pattonari di Agnino.

Un vero percorso della Riserva di Biosfera fatto di piccoli assaggi che sanno esaltare il prodotto di base mixando tradizione e innovazione.
La degustazione dei piatti è gratuita

A sfidarsi il titolo iridato di “produttore dell’anno” ci saranno aziende della Riserva di Biosfera UNESCO dell'Appennino Tosco Emiliano


Allegati
Condividi su
 
© 2023 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr