Raccolta dei funghi: sequestri e sanzioni

( 15 Ottobre 2009 )L'Autunno per l'Appennino è tutt'altro che un periodo di decadenza. I boschi si preparano all'inverno vestendosi di colori spettacolari e offrendo prodotti gustosi e pregiati. Tra di essi, ovviamente, i funghi, che con le piogge dei giorni scorsi hanno cominciato a crescere numerosi.
Per questa ragione sono aumentati i controlli sulla raccolta da parte della Forestale del C.T.A. che sorveglia il territorio del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano.

Nei giorni passati, oltre alla consueta attività di prossimità, informazione e prevenzione in materia di ambiente e di sicurezza che da sempre le vede coinvolte, le Stazioni Forestali di Busana e di Ligonchio hanno intensificato la sorveglianza sulla raccolta dei funghi epigei.

Durante i controlli si è rilevato che la maggioranza delle persone controllate svolge la raccolta in piena regola. Tuttavia, è successo che il personale abbia dovuto elevare alcune sanzioni ed operare alcuni sequestri, a volte di quantitativi significativi di funghi.

Il C.T.A. Forestale del Parco rammenta che la raccolta irregolare dei funghi, quando effettuata nel Parco Nazionale, comporta anche la violazione delle norme di salvaguardia del parco, illecito che può comportare anche pesanti sanzioni penali.
Condividi su
 
© 2022 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr