"Da 20 anni l'Appennino unisce"

Nove reportage per raccontare il Parco Nazionale

( Sassalbo, 01 Febbraio 2022 )

Nel 2021 il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano ha festeggiato i suoi primi vent'anni. Per celebrare in modo originale l'anniversario, l'ente ha scelto di percorrere un lungo itinerario lungo il crinale, per andare ad incontrare, tra Emilia e Toscana, le persone che fanno il parco. 

Il tour "Da 20 anni l'Appennino ci unisce" è partito nel maggio del 2021 da Berceto (PR) e s'è concluso a gennaio 2022 a San Pellegrino in Alpe (il passo tra le provincie di Lucca e Modena). 

Le nove tappe hanno visto come protagonisti il territorio e i paesaggi del Parco, a cavallo tra le 4 province di Lucca, Massa-Carrara, Parma e Reggio Emilia. 

Le interviste vi porteranno ad incontrare i centri visita del Parco, le cooperative di comunità, le azienda agricole ed agrituristiche e quelle che si occupano di servizi forestali ed ecosistemici, le eccellenze culturali de territorio, dando voce ai giovani che hanno scelto di restare o di tornare a vivere nel territorio del Parco Nazionale.

Al lavoro hanno collaborato Erika Farina, con  Giacomo Agnetti, videomaker e regista, di Berceto (PR); Maria Molinari, antropologa, di Berceto (PR) e Federico Palermitano, fotografo e tra i fondatori di Lunigiana World.

I nove video sono disponibili sul canale YouTube del Parco Nazionale, oppure nella Playlist 

Condividi su
 
© 2022 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr