Lavori all' Eremo di Bismantova

( Sassalbo, 28 Agosto 18 )

I lavori del cantiere aperto per il recupero dei locali dell'ex convento benedettino alla Pietra di Bismantova sono effettivamente iniziati è da ieri coinvolgono l'intero sagrato della chiesa che costituisce la copertura dei locali sottostanti nei quali si realizzerà -come annunciato-il Centro di documentazione, testimonianza e iniziativa sulla Custodia del Creato ispirato all' Enciclica Laudato sì.

Una cartellonistica provvisoria ma esauriente -in due lingue - spiega ai sempre più numerosi visitatori gli obiettivi del progetto e raccomanda attenzione e rispetto del luogo e delle prescrizioni di comportamento indicate.

Per ragioni di sicurezza la direzione lavori del cantiere, d'intesa con il committente Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano, il Comune di Castelnovo Monti e la Parrocchia, ha disposto la chiusura degli accessi al sagrato e ai terrazzi antistanti, e alla chiesa dei giorni da lunedì a venerdì – garantendo la riapertura di ogni fine settimana per le visite e le funzioni religiose.

Resterà dunque chiuso al pubblico dal lunedì al venerdì l'accesso al Santuario di Bismantova.

Nel fine settimana, il sabato e la domenica, i fedeli potranno frequentare la chiesa santuario collocata sotto la roccia e recentemente ristrutturata e riaperta al culto dopo il grave crollo di massi del febbraio 2015.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr