( Sassalbo, 13 Maggio 18 )

Da venerdì 1 a domenica 3 giugno 2018 a Fivizzano torna Sapori, la tradizionale kermesse di primavera per scoprire i gusti, profumi e colori della Lunigiana.

I protagonisti di Sapori sono i numerosi produttori che si impegnano, con fatica ed intelligenza, a riscoprire i saperi ed i sapori antichi sposandoli con le tecniche della moderna agricoltura, e così i profumi si confondono armoniosamente nelle sale, stanze, corridoi dell'antico convento Agostiniano e si aprono nel giardino dei frati, nelle piazze e vie di Fivizzano, in un clima di festa con bande musicali, maggianti,cantori e gruppi folcloristici.

Fivizzano soprannominata la "Firenze della Lunigiana", ha una posizione geografica, letteralmente incastrata tra le Alpi Apuane e l'Appennino Tosco-Emiliano, che l'ha sempre resa un territorio particolarmente ambito, contesa tra la famiglia Malaspina e la grande famiglia de' Medici, fino ad entrare sotto il controllo del Gran Ducato di Toscana ed essere ceduta, dopo il 1844, al Ducato di Modena; quest'ultimo ha controllato Fivizzano sino all'Unità d'Italia.

Un illustre passato che ha reso il borgo lunigianese un "gioiello" dal punto di vista artistico, storico e architettonico. Vestigia ancora conservate come l'imponente Piazza Medicea al centro della quale si trova la fontana fatta erigere da Cosimo III nel 1683. Poco distante dalla piazza l'Ex Convento degli Agostiniani con l'annessa Biblioteca all'interno della quale sono custoditi importanti incunaboli e l'Erbariolo Lunense. Di grande importanza anche il Museo della Stampa poiché, proprio a Fivizzano, intorno al 1470, furono stampati libri con i primi caratteri tipografici italiani mobili, con anticipo rispetto a molte capitali europee.

Sempre nel centro storico anche la Chiesa dedicata ai Santi Jacopo e Antonio: al suo interno il Fonte Battesimale risalente al XIV secolo, una lunetta affrescata con una Deposizione opera della scuola pittorica di Andrea del Sarto, il Tabernacolo in argento dell'altare maggiore e l'immagine della Beata Vergine in memoria di un'apparizione e di una guarigione miracolosa.

Al vasto patrimonio storico-artistico Fivizzano affianca anche quello ambientale e naturalistico.

Tra boschi, vallate e corsi d'acqua, questo territorio è perfetto per chi ama le escursioni e l'aria aperta. Degna di nota la vicina Equi, località conosciuta per gli stabilimenti termali e per la bellezza delle sue grotte: un esteso percorso carsico formatosi millenni fa grazie all'azione dell'acqua, oggi Geo-Archeo Park.

Come arrivare:
In Auto - Autostrada A15 (Parma - La Spezia): uscita al casello di Aulla, proseguire per la Strada
Statale 63 del Cerreto.
In Treno - Linea La Spezia-Parma, stazione di Aulla. Ad Aulla c'è la stazione degli autobus con linee che conducono nelle principali località della Lunigiana.

Informazioni:
Tel. 0585 942175
http://www.comune.fivizzano.ms.it
www.facebook.com/Sapori2015Fivizzano/timeline

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr