Life Barbie: sinergie per la tutela del territorio

( Sassalbo, 23 Novembre 17 )

Prosegue il progetto di conservazione dedicato ai Barbi di specie comune e canina presenti nei tratti fluviali all'interno dei siti Rete Natura 2000 delle provincie di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Proprio in questi giorni i rappresentanti della Commissione Europea che finanzia il Life Barbie, hanno svolto una visita di monitoraggio, la quarta dall'inizio del progetto, per verificare lo stato attuazione e i primi risultati raggiunti.  

Le monitor, visitando gli impianti ittiogenici di Monchio delle Corti e Corniglio, hanno potuto visionare i recenti interventi di adeguamento effettuati dal Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano e dell'Università di Parma, mentre i tecnici dello spin-off accademico Gen Tech hanno spiegato le tecniche di riproduzione in cattività messe in atto grazie alla collaborazione con l'Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale (Parchi del Ducato) e le associazioni di pesca sportiva che da anni gestiscono gli impianti.

Alla visita hanno preso parte anche il vice sindaco di Corniglio, Matteo Cattani, e il presidente dei Parchi del Ducato, Agostino Maggiali.

"La crisi ecologica che ha colpito anche i nostri territorio – afferma il presidente Maggiali – rende ancora più evidente l'importanza di investire sulla conservazione della natura e sul ripristino degli habitat naturali. Grazie ai progetti Life, l'Unione Europea contribuisce in modo concreto alla prevenzione e conservazione dei siti Rete Natura 2000 ai quali, nel nostro territorio se n'è aggiunto un'altro, il sito di Cronovilla (SIC IT4020027  http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/parchi-natura2000/rete-natura-2000/siti/it4020027), situato sul fiume Enza nel comune di Traversetolo".

"Per la nostra Riserva della Biosfera e per il Comune di Corniglio, proprietario dell'impianto ittigenico – spiega il vice sindaco Cattani – i progetti come il Life Barbie rappresentano un'ulteriore occasione per costruire e rafforzare sinergie. La salvaguardia del territorio, infatti, è un impegno comune svolto con convinzione da Enti locali, Parchi, e associazioni".  La visita dei monitor di progetto è stato anche un momento di incontro con i rappresentanti delle associazioni di pescatori che lavorano e custodiscono i centri ittiogenici, Ugo Pedesini della società di pesca sportiva Cannisti Val Parma e Ilio Bez presidente della società di pesca sportiva Fario.

Condividi su
 
© 2017 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr