( Sassalbo, 05 Luglio 17 )

Le straordinarie opportunità di turismo lento  tra il Mar Ligure e l'Appennino Tosco Emiliano hanno portato un gruppo di escursionisti dell'associazione Mangia Trekking dal mare al gigante Cusna. Mangia Trekking, in forza di una fattiva  collaborazione con tutti gli Enti  Parco  Nazionali e Regionali (Cinque Terre, Appennino Tosco Emiliano, Porto Venere, Montemarcello Magra Vara),  e diversi Comuni della medesima area geografica, continua a  promuovere  cammini e soste che conducono i partecipanti a vivere quei territori riscoprendo le loro antiche tradizioni. Ultima attività, un cammino che iniziato nella città di La Spezia è andato a concludersi sulla montagna più alta dell'Appennino Tosco Emiliano, il gigante Cusna. Con sosta finale del lungo percorso, a Casalino nel Comune di Ventasso, dove l'azienda agricola del paese (Agriturismo 25)  ha riservato ai presenti una bella accoglienza ed ospitalità, e per gli appassionati "alpinisti",  è stato anche possibile gradire, la sera prima della salita in vetta, una ricca ed interessante degustazione di prodotti tipici  della cucina di montagna. La mattina seguente alla buonora, da Casalino, gli "alpinisti lenti", nonostante il tempo non proprio favorevole, coprendo un dislivello di 1200 metri sono saliti prima ai Prati di Sara e poi sulla vetta del grande Cusna, completando l'impegnativa iniziativa. Con questo genere di attività l'associazione Mangia Trekking desidera promuovere l'alpinismo lento fatto di sport, cultura, tradizione e degustazione di antichi sapori, quale modello turistico verde a dimensione di tutti. Invitare le persone, le famiglie, e i gruppi di amici a venire a conoscere, per riscoprire e valorizzare, tra mare e montagna, quei luoghi così ricchi di valori, storia, bellezze e cose buone.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr