Insediamento organismi della Governance della Riserva

Costruzione di un programma d’azione e di un management partecipato

( Sassalbo, 17 Febbraio 17 )

MaB Unesco Appennino a convegno in assemblea nella mattinata di domenica 19 al Centro Internazionale "Loris Malaguzzi" di Reggio Emilia.

Presenti il Ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti e gli assessori all'ambiente delle 2 regioni, Emilia Romagna e Toscana, Paola Gazzolo e Federica Fratoni.

Saranno il Sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi e Carla Rinaldi, presidente della Fondazione Reggio Children, a fare gli onori di casa e a introdurre il tema dell'educazione alla sostenibilità, obiettivo strategico del programma Uomo e Biosfera dell'Unesco.

Fausto Giovanelli – a nome del Parco Nazionale ente che coordina la ben più ampia Riserva MaB Unesco che coinvolge 34 comuni di 5 province e 2 regioni – illustrerà le azioni di condivisione e promozione messe in campo nei primi 18 mesi di vita della Riserva a partire dal riconoscimento ufficiale (Parigi, 9/06/2015). 

L'appuntamento di domenica 19 sarà l'avvio di una nuova tappa, quella della costruzione di un programma d'azione e di un "management" partecipato, attraverso una Assemblea Consultiva rappresentativa dei soggetti pubblici e privati del territorio e di un più ristretto Comitato di Gestione di cui faranno parte le 2 Regioni, rappresentanze degli Enti locali emiliani e toscani, nonché delle Camere di Commercio di Parma, l'Università di Modena e Reggio Emilia, GAL, Fondazione Reggio Children e Banca della Memoria della Garfagnana. 

"E' un nuovo punto di arrivo e di partenza – dice Fausto Giovanelli – il più importante dopo la presentazione della candidatura, nel settembre 2014, e il riconoscimento del giugno 2015. C'è un importante lavoro avviato con il passaggio in oltre 30 consigli comunali; con la collaborazione con le scuole (4000 studenti coinvolti nel solo 2016); con la circuitazione di idee e approfondimenti attraverso la mostra "Behind Food Sustainability", attualmente esposta presso i locali del Consorzio Bonifica Emilia Centrale a Reggio Emilia; con l'individuazione del "Prendersi cura dell'Appennino" come "Branding" e al tempo stesso come etica delle azioni e delle attività delle comunità della Riserva.

Ora – in coerenza con quanto a suo tempo proposto – si inizia a dare forma stabile alle collaborazioni e alla partecipazione.

Non sarà un "governo" in senso stretto, perché MaB non è un ente, non ha un bilancio né una personalità giuridica, ma sarà una convergenza di volontà su obiettivi condivisi di sviluppo sostenibile.

Proprio domenica 19, alla vigilia del varo delle linee guida MaB nazionali previsto per lunedì 20 a Roma,  daremo il via a luoghi e sedi di incontro periodico organizzato e permanente (l'Assemblea), a un coordinamento nella gestione rappresentativo dei diversi territori e delle distinte funzioni nell'ambiente, nell'economia e nella cultura".

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr