Corniglio: cittadinanze affettive a Ghirardini e Garani

Parco nel Mondo 20 agosto

( Sassalbo, 18 Agosto 15 )

Giovedì 20 agosto a Bosco di Corniglio, durante la Rassegna Gastronomica all'interno della tradizionale fiera, alle ore 17 il Parco Nazionale, nell'ambito del progetto 'Parco nel Mondo' conferirà due 'cittadinanze affettive' molte significative per il borgo del crinale parmense. I riconoscimenti andranno a Giorgio Ghirardini e Giovanni Garani.

Giorgio Ghirardini è stato sindaco di Corniglio negli anni '80, ha sempre avuto un profondo legame con Bosco, non solo grazie allo storico albergo aperto dal nonno, ma anche al legame costruito con tutta la comunità cornigliese, continuando a farvi ritorno di anno in anno. Giovanni Garani è il presidente di 'Obiettivo Natura', associazione fotonaturalistica che valorizza gli aspetti ambientali e paesaggistici, promuovendo anche momenti di conoscenza e tutela in ambito naturalistico dei territori di Corniglio e non solo. Fino al 23 agosto presso l'Ostello di Corniglio (orario 10-12 e 15-17) è allestita la mostra fotografica, organizzata da Garani in qualità di responsabile del Gruppo Fotonaturalistico Emiliano Obbiettivo Natura. L'esposizione è stata realizzata in collaborazione con il Comune stesso, ed è composta con gli scatti di una ventina di fotografi provenienti dalle province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Cremona che con il loro lavoro intendono promuove, attraverso l'uso delle immagini, la conoscenza e il rispetto del territorio e di tutto quanto compone il suo ecosistema.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr