EXPO 2015: LA MOSTRA DI UNESCO ITALIA IN APPENNINO

( Sassalbo, 31 Luglio 15 )

Il cibo non è solo merce. I prodotti della terra non sono solo valore aggiunto. L'alimentazione non è solo consumo.

Sui temi dell'Expo di Milano, è questo l'avvertimento veicolato da UNESCO ITALIA con la mostra "Behind Food Sustainability", inaugurata dal 1° maggio a Venezia. "Oltre il cibo la sostenibilità" è la traduzione letterale, purtroppo un po' riduttiva, del senso profondo del messaggio.

La mostra racconta siti e aree diverse del mondo, dalle risaie cinesi all'agricoltura africana, per evidenziare che c'è una relazione profondissima tra consumi alimentari e stili di vita dei singoli e dei popoli. Una relazione altrettanto profonda esiste tra consumi alimentari, stili di vita da un lato e paesaggi agrari e ambiente del nostro pianeta dall'altro. La biosfera è segnata nel bene e nel male dall'azione e dai comportamenti di 7 miliardi di esseri umani che coltivano, producono, consumano, pensano, creano e trasformano in continuazione il mondo che li circonda e li ospita.

Non si può soffocare il mercato e non avrebbe senso pensare a un mondo di autarchie in cui coincidono autoproduzione e autoconsumo delle derrate alimentari. L'industria e il commercio consentono di sostentare popoli e territori che da soli oggi non basterebbero a se stessi.

Ma è altrettanto vero che è assurdo separare del tutto cibo, prodotti alimentari e stili di vita dall'ambiente e dal territorio in cui si vive.

Le leggi del mercato, la pura logica dello scambio e del profitto spesso cancellano identità peculiari e diversità, ricchezze naturali, culturali e di paesaggio.

Omologare al mercato globale gli stili di vita di tutte le latitudini e di tutti i popoli del mondo sarebbe un' enorme perdita. Anche le difficoltà crescenti di produzioni d'Appennino come il Parmigiano Reggiano e Prosciutto di Parma, hanno, tra le loro cause, logiche di mercato che comprimono i valori e le peculiarità naturali e culturali.

Questo è il messaggio globale, firmato da UNESCO ITALIA e affidato alla mostra che sta "circuitando" sull'Appennino Tosco Emiliano. Al messaggio globale è aggiunto un focus "locale", legato al riconoscimento MaB UNESCO rilasciato il 9 giugno: che relazione c'è tra il territorio appenninico, la sua storia, le sue produzioni di qualità, le sue risorse naturali, i suoi stili di vita e in definitiva il suo futuro?

Ha questo territorio delle potenzialità inespresse da indagare? Ha qualche marcia in  più da innestare proprio nel rapporto tra uomo e biosfera? Ha qualche parola da dire, a se stesso e a tutti sulla innovazione possibile o sul miglioramento, la competitività e la sostenibilità degli stili di vita che qui si possono sperimentare?

La mostra offre suggestioni e stimoli per cercare e dare risposte.

Fausto Giovanelli     

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr