Scomparso Bendinelli, amante e amico della montagna

Giovanelli: con lui abbiamo condiviso l'amore per l'Appennino

( Sassalbo, 26 Settembre 2011 )

Si è spento lo scorso sabato, circondato dall'affetto dei suoi cari, Giorgio Bendinelli. Aveva 74 anni.

Una vita dedicata alla famiglia, all'omonima impresa di traslochi ultracentenaria che ha guidato con i fratelli Sergio e Silviano e allo sport.

Ha amato il calcio e il basket, ma soprattutto lo si ricorda grande appassionato di montagna, di trekking e di sci da fondo.

Socio storico del CAI e del Panathlon, contribuì alla realizzazione dei sentieri che compongono l'Alta Via del Golfo della Spezia, all'organizzazione del convegno internazionale "L'orizzonte nei piedi" nel 2008 e, nonostante la malattia lo avesse già minato nel fisico, dedicò i suoi ultimi mesi al completamento di 10 sentieri intorno al Lago del Cerreto e alla stesura della relativa guida presentata lo scorso 24 luglio a Sassalbo.

Proprio in quell'occasione Bendinelli sottolineava quanto la natura e i boschi rappresentassero per lui un momento per disintossicarsi dai veleni della vita quotidiana, ma anche uno strumento perfetto per conoscere un territorio, per imparare a rispettarlo e preservarlo per le generazioni future.

«Non smetterò mai di ringraziarlo – dichiara Fausto Giovanelli, Presidente del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano -, non solo per aver profondamente amato le nostre montagne, ma per esserne stato un "cittadino" attivo impegnandosi affinché anche altri scoprissero gli orridi, i laghi, i crinali, le praterie e i sentieri di questo Parco che tanto lo avevano colpito.»

Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr