Intesa per la valorizzazione di Pietro da Talada

Primo passo di una collaborazione continuativa tra i due versanti d’Appennino

( 24 Marzo 11 )

Il protocollo d'intesa che vuole valorizzare la figura del Maestro di Borsigliana, insieme ai luoghi in cui ha vissuto ed operato, è stato firmato nella sede del Municipio di Piazza al Serchio, dove si sono riuniti, ospiti del Sindaco Paolo Fantoni, tutti gli Amministratori coinvolti nel progetto. Ecco le dichiarazioni rilasciate durante l'incontro.

Paolo Fantoni, Sindaco di Piazza al Serchio:"Il maestro di Borsigliana è un fiore all'occhiello per questo territorio, crediamo moltissimo in questo progetto che potrà rilanciare questa zona, bellissima ma ancora poco conosciuta".

Sandro Govi, Sindaco di Busana: "Credo che questo progetto sia una grande occasione per rilanciare il territorio e per promuovere i contatti tra i due versanti d'Appennino; sono particolarmente contento perché proprio nel Comune di Busana si trova il paese di Talada, che ha dato i natali ad un artista così importante e che merita di essere conosciuto da un pubblico più vasto".

Giorgio Pregheffi, ass. alla Cultura dell'Unione dei Comuni dell'alto Appennino reggiano: "Personalmente sono particolarmente felice di un progetto nato per unire i due territori, Emilia e Garfagnana, costruendo un percorso comune che oltre ad individuare le eccellenze culturali si potrà poi allargare anche a collaborazioni su altre tematiche".

Mario Puppa, Presidente Comunità montana della Garfagnana: "Sono molto felice della collaborazione con gli amministratori che son qui presenti oggi. Lo studio delle opere del maestro ha un grande valore per la nostra comunità, verrà pubblicato in un volume apposito della Banca dell'identità e della memoria, che si affiancherà al depliant in cui verranno descritti i percorsi turistici che uniranno i luoghi in si possono ammirare questi capolavori".

Fausto Giovanelli:" Questo è un territorio che ha una grandissima storia, proponiamo quindi questo viaggio tra natura e cultura che risponde pienamente all'idea di promozione del territorio del nostro Parco Nazionale, che unisce i due versanti d'Appennino".

Clementina Santi, Presidente del Comitato Scientifico:" Nei due nomi con cui l'artista è conosciuto nei due versanti d'Appennino c'è già il legame che noi vogliamo evidenziare con questo progetto. Un obiettivo è anche quello di trovare nuove notizie sulla figura di Pietro da Talada, che non ha eguali in Emilia, per riconfermare anche in Garfagnana questa figura importantissima nel panorama del gotico internazionale. Vogliamo incrementare l'antico legame tra i due versanti dell'Appennino in modo da moltiplicare le occasioni di contatto per favorire anche un flusso turistico nuovo, proprio grazie alla valorizzazione dell'artista, delle sue opere e dei percorsi che uniranno i luoghi che le custodiscono".

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr