L'Aquila Reale nel Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano

In italiano e in inglese (con DVD allegato)

L'Aquila Reale è diventata una realtà nel nostro Appennino. Non più una sporadica presenza per pochi appassionati di birdwatching. E' un animale maestoso, simbolo per secoli di forza e di potenza, ma anche tanto fragile. Esso infatti occupa un posto scomodo nel delicato equilibrio tra l'uomo e il suo ambiente. Il fatto che nelle nostre montagne sia diventata una presenza stabile e familiare sta a significare che qualcosa deve essere cambiato.
Questo libro è una raccolta doviziosa di dettagli e informazioni. Non solo. La documentazione fotografica presente permette di raccontare attraverso uno scatto quello che le parole non sempre riescono a fare. Queste foto aggiungono anche un po' di poesia a questo libro. Perché descrivere l'Aquila Reale è anche questo: cogliere il bello in un istante.
La pubblicazione è inoltre arricchita da illustrazioni di uno dei più grandi disegnatori d'Europa, e da un DVD di spettacolari immagini del Parco Nazionale e della Regina dei cieli.
  • Autore: Marco Gustin, Mario Pedrelli, Stefano Schiassi, Michele Mendi
  • Editore: Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano - Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
  • ISBN: 978-88-906447-1-9
  • Pagine: 188
  • Formato: 21,7x24,3 cm
  • Anno: 2011
  • Testo in lingua: it en 
  • Prezzo: 25,00 €  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr