In che modo il modello Eco-cluster agevola il rispetto alla normativa ambientale?

Requisito imprescindibile del modello Eco-Cluster è l'impegno, nel documento di politica ambientale del Comitato di Gestione, all'identificazione, al rispetto e alla formazione sugli adempimenti ambientali applicabili.

Il Comitato di gestione del cluster deve quindi intervenire in tre modi:

  • attivare un percorso comune finalizzato al raggiungimento della conformità alla normativa ambientale dei soggetti aderenti
  • Individuare gli obblighi normativi applicabili in materia di ambiente:
  • Sensibilizzare e formare le organizzazioni rientranti nel cluster sull'importanza della conformità alla normativa ambientale
  • Stabilire gli strumenti (procedure) per dimostrare la conformità ai vari adempimenti ambientali e per stabilire come agire in caso di non conformità.

Ma quando sussiste una non conformità normativa per il modello Eco-Cluster?
Quanto manca lo strumento urbanistico e/o di pianificazione previsti dalla legge che riguarda specificamente un aspetto ambientale e/o quando vengono riscontrate, in sede di audit, non conformità normative diffuse delle imprese o in capo agli Enti che compongono il cluster. In questo modo si sensibilizzano tutti gli attori del cluster, pubblici e privati, a svolgere un ruolo proattivo verso la piena conformità alla normativa ambientale.

Per maggiori informazioni scrivere a tecnico@parcoappennino.it
Se sei una organizzazione del cluster Cerreto e vuoi ricevere una valutazione gratuita sulla tua conformità alla normativa ambientale e conoscere gli strumenti di semplificazione del modello Eco-cluster scrivi a tecnico@parcoappennino.it


FAQ


cerretolaghi istitutodelta certiquality unionecomunire
© 2012 - Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano