Cosa si intende per governo del cluster?

Secondo la filosofia "Eco-cluster" deve essere determinato o determinabile un controllo gestionale e/o amministrativo in campo ambientale applicabile alle scelte strategiche del cluster ma che non mira a imporre comportamenti né quantificare miglioramenti ambientali in capo agli attori del cluster in quanto non può sostituirsi nella definizione delle politiche, alle strategie e alle responsabilità in campo ambientale che rimangono in capo ad ogni singola Azienda.
Il modello "Eco-cluster" individua un soggetto, il "Comitato di Gestione" quale organismo che ha le competenze e le prerogative per elaborare e attuare la politica ambientale del cluster.

Nel comitato devono essere rappresentate le seguenti categorie di soggetti:

  • Le istituzioni pubbliche, in funzione degli scopi statutari o legislativi, si occupano della tutela dell'ambiente e della pianificazione territoriale (ad esempio Comuni, Unioni di Comuni, Province, Enti Parco, ecc.);
  • Le imprese private o pubbliche che gestiscono servizi e/o impianti collettivi direttamente collegati alla gestione del cluster, che hanno o possono avere ripercussioni ambientali (es. imprese di trasporti, municipalizzate della gestione dei rifiuti, risorse idriche, energia, consorzi per la gestione degli impianti ad uso comune);
  • I soggetti che gestiscono linee di finanziamento destinate al territorio o ai settori economici che caratterizzano il cluster (Camere di Commercio, GAL, ecc).

Per maggiori informazioni scrivere a tecnico@parcoappennino.it


FAQ


cerretolaghi istitutodelta certiquality unionecomunire
© 2012 - Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano