HomeConosci l'Ente ParcoProgetti › › ›

Parco nel mondo

Il progetto Parco nel Mondo intende riallacciare i legami tra i territori del Parco e le migliaia di persone che sono emigrate dal crinale appenninico

www.parconelmondo.it

Mentre fino a pochi decenni fa uomini e donne decidevano in gran numero di lasciare la montagna perché i redditi provenienti dall'emigrazione erano fra le principali risorse cui affidarsi, oggi la nuova realtà del Parco offre nuove prospettive di sviluppo a luoghi che si consideravano un tempo marginali e privi di vere opportunità.

La sfida del progetto è quella di recuperare i rapporti con coloro che ne sono andati in passato e trasformare oggi ciò che è stata l'emigrazione, da sempre un punto di debolezza considerando la perdita delle migliori risorse umane di una popolazione, in un concreto e significativo strumento per recuperare contatti e relazioni a livello nazionale ed internazionale attraverso le associazioni e le reti informali degli emigrati che vivono in altre aree d'Italia o all'estero.

Facendo leva sulla gente che vive tutt'ora la montagna cercando si stimolarla ad aprirsi al mondo come hanno fatto a suo tempo genitori e nonni, il progetto sta mettendo in cantiere un programma di animazione per recuperare le tradizioni, riattivare la vita sociale delle comunità connettendole con quelli che sono partiti, suscitare interesse e curiosità per un turismo responsabile in luoghi da riscoprire ma anche da preservare, promuovere il recupero edilizio moderno ed allo stesso rispettoso della storia di uno specifico ambiente culturale.

Un gruppo di giovani laureati è all'opera per la realizzazione di una ricerca sulle persone emigrate dal territorio del Parco con la finalità di conoscere con maggiore precisione questo fenomeno, ma soprattutto con l'obiettivo di recuperare contatti ed indirizzi di chi ora è stanziato in altre città o nazioni e potrebbe avere l'interesse o la curiosità di riscoprire le sue radici o quelle della propria famiglia.

Il progetto prevede la realizzazione di speciali eventi durante i quali gli emigrati che rientrano nei borghi d'origine e dimostrano un profondo attaccamento al proprio territorio riceveranno una "cittadinanza affettiva", un riconoscimento sociale del merito che hanno quelli che, talvolta persino figli o nipoti di persone effettivamente partite dall'Appennino, si adoperano nel mantenere i legami con la propria terra e ne diffondono la conoscenza al di fuori dei propri confini.

I paesi del Parco saranno quindi vivacizzati queste estate da vere e proprie "feste del ritorno" nelle quali ci sarà la possibilità di conoscersi, raccontare storie di vita, scambiare pareri e contatti di persone che da tempo non fanno ritorno ed anche scoprire in dettaglio le opportunità che si presentano a quelli che ritrovano interesse a vivere quella montagna nella quale esistono le proprie radici.

Il progetto intende infine proseguire con la realizzazione di un video che racconti gli aspetti peculiari dell'emigrazione appenninica e descriva l'attuale sviluppo delle attività che il Parco sta portando avanti in molti settori.

Attraverso programmi televisivi trasmessi nei luoghi di destinazione dei nostri emigrati si favorirà inoltre la conoscenza delle bellezze e particolarità dei luoghi e delle varie possibilità che esistono di viverli come turisti, viaggiatori o residenti in diverse forme, sottolineando la promozione dei prodotti tipici di qualità, utilizzando anche i più moderni sistemi di vendita on line.

Per maggiori informazioni è possibile contattare lo staff di progetto a parconelmondo@parcoappennino.it


Trovati 247 risultati.
Pagina 1 di 9
»
Cittadinanza Affettiva e turismo di ritorno alle radici
(Sassalbo, 01 Settembre 17)
Si rinnova il gemellaggio tra Parchi Nazionale e Paul Smith's College
(Sassalbo, 18 Maggio 17)
Cittadini affettivi una risorsa per l’Appennino
(Sassalbo, 29 Marzo 17)
Quali azioni per il futuro del progetto
(Sassalbo, 01 Marzo 17)
Scambi internazionali per valorizzare il nostro patrimonio
(Sassalbo, 23 Dicembre 16)
Il 7 agosto una piazza di artisti e appassionati
(Sassalbo, 02 Agosto 16)
a cura di Enrica Lemmi e Francesco Pinagli - Report Finale Progetto SCORE! Support to Capacities...
(Sassalbo, 16 Luglio 16)
Al via la nuova fase di scambio del progetto SCORE!
(Sassalbo, 13 Marzo 16)
Punto di vista di un osservatore d’eccezione Sabatino Annecchiarico
(Sassalbo, 02 Marzo 16)
Un’ esperienza unica di ritorno alle radici
(Sassalbo, 01 Febbraio 16)
Cena degli Auguri 2015
(Sassalbo, 16 Dicembre 15)
L’evento natalizio di Parco nel Mondo arriva alla sua quarta edizione
(Sassalbo, 14 Dicembre 15)
L’incontro rappresenta anche la seconda tappa del progetto SCORE
(Sassalbo, 23 Novembre 15)
Nuovo spettano della Fundacion Astor Piazzolla in Garfagnana
(Sassalbo, 05 Novembre 15)
Presentato a Expo Parco nel Mondo
(Sassalbo, 27 Settembre 15)
Il progetto strategico dell’Appennino Tosco Emiliano fa scuola
(Sassalbo, 25 Settembre 15)
I nuovi Ambasciatori del Parco arrivano all’Orecchiella
(Sassalbo, 09 Settembre 15)
Conferenza sulla storia del borgo
(Sassalbo, 28 Agosto 15)
Parco nel Mondo torna a Sologno
(Sassalbo, 24 Agosto 15)
Parco nel Mondo 20 agosto
(Sassalbo, 18 Agosto 15)
Un riconoscimento a Domenica e Franco Sassi
(Sassalbo, 18 Agosto 15)
Taponecco e Bagnone in festa
(Sassalbo, 05 Agosto 15)
Un film e un e-book presentati a Sassalbo
(Sassalbo, 03 Agosto 15)
L’Appennino si accende di nuove iniziative e cittadinanze affettive
(Sassalbo, 03 Agosto 15)
A Caprignana, a Massa Sassorosso e a Corfino
(Sassalbo, 31 Luglio 15)
Pagina 1 di 9
»
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr