In auto da Milano Parma

Per il versante reggiano: Percorrere l'Autostarda "del sole" A1 fino a Parma. In seguito dirigersi sulla strada statale 513 in direzione Traversatolo. Proseguire attraversando San Polo, Ciano, Vetto, fino a Castelnovo ne' Monti.

  • Giunti a Castelnovo ne Monti si trovano le indicazioni per la Pietra di Bismantova ed i Gessi Triassici, proseguendo tale strada si raggiunge Ligonchio, la val d'Ozzola ed il Passo di Pradarena da cui proseguendo si arriva nei territori del Parco della Garfagnana: Villacollemandina, San Romano in Garfagnana e Giucugnano
  • Passato Castelnovo ne Monti, proseguento sulla SS 63, in coincidenza con il valico "intermedio" noto come Sparavalle, si torva la deviazione per il territorio del Comune di Ramiseto, che porta al Monteventasso, la valle dei Cavalieri ed il passo del Lagastrello punto di congiunzione con i territori del Parco della Lunigiana (in particolare del Comune dei Comuni di Comano, Licciana Nardi e Filattiera) e del parmense.
  • Non svoltando al bivio per ramiseto, ma proseguendo ancora sulla SS 63, si arriva a prima a Cervarezza Terme di Busana, centro turistico e sede provvisoria del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano, si raggiungono quindi i borghi del Comune di Collagna ed in fine il Passo del Cerreto da cui proseguendo si scende nei territori del Parco della Lunigiana ed in particolare del Comune di Fivizzano.
  • Da Castelnovo ne Monti, scendendo sulla SS 63 verso Reggio Emilia, prima della frazione di Felina è possibile deviare in direzione Villa Minozzo per raggiungere le località più orientali del versante emiliano del Parco (Civago, Febbio, Abetina Reale). Da Civago, proseguendo e valicando il passo delle Radici, si arriva nei territori del Parco della Garfagnana Villacollemandina, San Romano in Garfagnana e Giucugnano

Per il versante parmense: occorre immettersi sulla Strada Provinciale 665 "Massese" in direzione Langhirano e proseguire fino a località Pastorello. Al bivio si può proseguire lungo la SP 665 in direzione Monchio delle Corti (Val Cedra-Prato Spilla), oppure salire in Val Parma attraverso la SP 13 in direzione Corniglio. Per salire in alta Val Parma (Bosco, Lagdei, Lagoni, Lago Santo) imboccare la SP 106 "dei Cento Laghi". Per raggiungere Corniglio, invece di uscire a Parma dalla A1 si può imboccare l'autostrada "della Cisa" A15 in direzione La Spezia uscire a Berceto, prendere per Passo del Sillara e arrivare a Bosco di Corniglio, oppure uscire a Pontremoli e proseguire per Passo del Cirone e Bosco di Corniglio.

Per il versante toscano: dall'Autostrada "del sole" A1, a Parma, prendere l'autostrada "della Cisa" A15 in direzione LA Spezia ed uscire uscita in località Aulla

  • Da Aulla seguendo le indicazioni per passo del Cerreto o Passo del Lagastrello si raggiungono i territori Lunigiana facenti parte del Parco nazionale, ovvero Fivizzano, Filattiera, Comano, Liccina Nardi.
  • Da Aulla risalendo la SS 63 del Passo del Cerreto in direzione Reggio Emilia, all'altezza della località della frazione di Gassano, si può deviare verso destra per raggiungere, attraverso il valico della "Foce dei Carpinelli", si raggiungono i territori della Garfagnana del Parco nazionale ed in particolare il Comune di Giucugnano, San Romano in Garfagnana e Villacollemandina.
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr