Simone Cagozzi (Parma, 1972) laureato in Architettura al Politecnico di Milano, dal 1998 svolge l'attività di libero professionista e dal 2002 collabora attivamente nello studio professionale dell'architetto Vittorio Uccelli. L'attività di studio, in rapporto con gli enti pubblici e privati, abbraccia diversi campi della professione, tra nuova progettazione e ristrutturazione, progettazione urbanistico-architettonica, consulenze tecniche e direzione di cantiere.

Dal 2004 al 2008 svolge attività didattica in campo architettonico e urbanistico-architettonico come cultore della materia presso il Politecnico di Milano - Facoltà di Architettura sede di Piacenza, presso la Facoltà degli Studi Parma e presso il Politecnico di Milano - Facoltà di Architettura, polo regionale di Mantova.
Dal 2008 è tutor presso il Politecnico di Milano - Facoltà di Architettura sede di Piacenza. Dal 2009 al 2011 è professore a contratto presso il Politecnico di Milano - Facoltà di Architettura sede di Piacenza, nel Laboratorio Tematico Opzionale - Progettazione del Paesaggio III annualità.
A partire dal 2008 collabora all'interno del Laboratorio per la Valorizzazione del Patrimonio Storico Urbano del Politecnico di Milano, sede di Mantova in qualità di co-progettista.
Ha collaborato alla realizzazione di numerose mostre di architettura e partecipato a diversi concorsi nazionali e internazionali alcuni dei quali premiati.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr