HomeConosci l'Ente ParcoProgetti › › ›

Protocollo di intesa

I Parchi, Cinque Terre, Appennino Tosco-Emiliano e Apuane hanno sottoscritto un protocollo d'intesa per dar vita ad un grande distretto di promozione turistica su scala internazionale

Un'alleanza turistico-ambientale unisce due Parchi Nazionali, Cinque Terre e quello dell'Appennino Tosco Emiliano e quattro regionali: Alpi Apuane, Frignao, Cento Laghi e Montemarcello Magra per promuovere il territorio e le sue numerose eccellenze paesaggistiche, naturalistiche, enogastronomiche e storico-culturali.

Grazie alla firma di un protocollo d'intesa, avvenuta venerdì 27 luglio nell'ambito della manifestazione Città Slow di Felina, i rappresentanti delle sei aree protette che coprono un territorio compreso fra le Cinque Terre, l'Appennino e le Alpi Apuane, si uniscono per dar vita ad un grande distretto di promozione turistica, competitivo a livello internazionale.

Un evento importante la sottoscrizione dell'accordo per la creazione del Sistema di Area Vasta ligure-tosco-emiliana, che sancisce formalmente l'inizio di un progetto di sviluppo turistico all'insegna della distintività culturale e della sostenibilità per l'uomo e per l'ambiente.

Ciò significa abbracciare un'idea di sviluppo rispettoso dell'identità locale che, muovendo dalle radici storiche, dalle peculiarità paesaggistiche, dal valore delle piccole produzioni agroalimentari, riesce a pianificare una serie di strategie promozionali congiunte per attirare presenze qualitative sul territorio e per tutelare il patrimonio naturale e culturale attraverso azioni specifiche e mirate.
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr