Greggi “importate” nel Parco nazionale dell’Appennino: “Una grave forzatura”. Scattate le prime denunce.

( Sassalbo, 02 Agosto 2022 )

Il Parco nazionale dell'Appennino sta seguendo con attenzione fortemente critica l'invio di greggi di pecore da carne nell'area del Cusna, attraverso diversi Tir. 

Sul punto il consiglio direttivo dell'ente si era già pronunciato criticamente nell'agosto 2021. Risulta, che per quest'anno gli usi civici titolari del diritto di pascolo sui terreni avevano negato il consenso al proseguo dell'affittanza dei terreni. La pretesa di proseguirla contro il consenso dei legittimi proprietari, invocandone il rinnovo automatico in base alle norme sugli affitti dei fondi rustici, risulta palesemente infondata, perché – come noto – queste non si applicano ai beni di uso civico.

"Si tratta dunque a nostro avviso di una grave forzatura nei confronti delle comunità e delle amministrazioni di uso civico – commenta il Parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano - che potranno e dovranno agire a tutela. Il Parco non deve, non può e non intende sostituirsi ad esse. È tuttavia pronto a sostenerle. Non c'è dubbio che l'importazione o meglio l'esportazione 'temporanea' di greggi sui terreni di crinale sia pratica lontana e diversa da quella tradizionale di pascolo e pastorizia". Pare piuttosto indirizzata a incamerare più o meno legittimamente contributi europei di gestione suoli. La stessa Regione Emilia – Romagna è su questa pratica è critica e ha avviato un'azione per il recupero dei contributi indebitamente versati nel caso in oggetto. 

Il Parco nazionale si è attivato per fare rispettare le norme di tutela ambientale che sono cosa diversa e separata dai rapporti civilistici sui pascoli. 

Ieri pomeriggio, lunedì 1agosto, dei Carabinieri forestali, guidati dal colonnello Giuseppe Piacentini, hanno effettuato un sopraluogo in zona Lama Lite e hanno riscontrato gravi difformità rispetto alle normative sul pascolo nell'area, tali da comportare sanzioni penali, per le quali si procederà alla dovuta denuncia all'autorità giudiziaria. Il Parco nazionale si riserva altresì di agire in sede civile per i risarcimenti del danno ambientale. I carabinieri hanno altresì intimato l'allontanamento delle greggi dalle vicinanze del Rifugio Battisti.

Condividi su
 
© 2022 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr