Giornata Internazionale delle Foreste

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco Emiliano la celebra con i “Crediti di Sostenibilità”

( Sassalbo, 20 Marzo 2022 )

Il Parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano celebra la Giornata Internazionale delle Foreste con il lancio della prima piattaforma in Italia per la compravendita dei Crediti di Sostenibilità (https://creditisostenibilita.it/).

 Un progetto strettamente legato al tema che quest'anno le Nazioni Unite hanno scelto di celebrare il 21 Marzo, "Foreste e Produzione/Consumo Responsabili". Il collegamento con l'Obiettivo 12 dell'Agenda 2030 sottolinea quanto, oggi più che mai a causa della crisi climatica in rapida e negativa evoluzione, la vita dell'uomo dipenda strettamente anche dalle foreste e dai servizi "ecosistemici" che esse generano. Si tratta di servizi noti a tutti come l'approvvigionamento di cibo, acqua, legname, la fotosintesi che regola il ciclo della crescita e della produzione e di servizi ai quali spesso non pensiamo, come la regolazione del clima e delle precipitazioni, il contenimento delle malattie, il supporto alla formazione del suolo e, certamente non ultime, la bellezza e la capacità di contribuire al benessere spirituale dell'uomo.

Con la generazione e la compravendita dei crediti di sostenibilità il Parco nazionale intende fare un passo avanti rispetto alla ormai diffusa generazione e compravendita dei crediti di Carbonio, proprio perché si intende riconosce un valore di mercato ai servizi ecosistemici nell'accezione sopra descritta e non soltanto al servizio di "sequestro della CO2 e stoccaggio del Carbonio organico neo serbatoi forestali", abbracciando dunque un concetto più ampio di gestione forestale sostenibile ed impatto della gestione sull'erogazione dei servizi ecosistemici.

Gli alberi sono gli esseri viventi più antichi e coprono un terzo del Pianeta. Sin dai suoi primi passi l'uomo trovava riparo dagli animali feroci tra le loro fronde. Oggi, la vita dell'uomo è legata a doppio filo alla sopravvivenza delle foreste: per questo dobbiamo fare di tutto per migliorare la loro resilienza e la loro capacità di generare i preziosi servizi ecosistemici indispensabili alla vita umana.

Un ciclo virtuoso nell'area della Riserva di Biosfera MAB UNESCO

Grazie alla gestione sostenibile e responsabile "certificata" delle foreste dell'Appennino tosco-emiliano (circa 500 milioni di alberi all'interno della Riserva di Biosfera riconosciuta dall'UNESCO nel 2015 quale eccellenza mondiale per la sperimentazione di modelli innovativi di sviluppo sostenibile, n.d.r.) verranno riconosciuti, quantificati, e quindi registrati in uno specifico registro nazionale i Crediti di Sostenibilità erogati a beneficio dell'uomo dalle foreste della Riserva. Si innesca quindi un ciclo virtuoso su area vasta (oltre 28.000 ettari di foreste): più le foreste vengono gestite in modo sostenibile, più esse sono in grado di generare servizi ecosistemici. I Crediti vengono quindi messi a disposizione delle organizzazioni che intendono "compensare" gli impatti legati alla propria attività, o semplicemente "sostenere" la gestione forestale sostenibile e responsabile delle foreste dell'Appennino. Grazie alla vendita dei Crediti di Sostenibilità, il Parco nazionale potrà implementare sempre di più le azioni di tutela e valorizzazione delle foreste, in collaborazione con i gestori forestali,  con ricadute economiche e sociali positive sulla comunità locale.

Una prospettiva coerente con gli sviluppi normativi

Nel Disegno di Legge "Montagna" recentemente approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 10 marzo "Disposizioni per lo sviluppo e la valorizzazione delle zone montane" viene istituita una apposita Sezione Speciale con il compito di controllare e valutare i progetti forestali e di gestire un apposito registro dei crediti (di carbonio) generati su base volontaria da progetti come la piattaforma di compravendita appena realizzata dal Parco nazionale.

Condividi su
 
© 2022 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr