Mab Unesco avrà la sua vetrina dinamica nel centro storico di Reggio Emilia

Accordo tra Riserva di Biosfera dell’Appennino tosco-emiliano e Meridiano 361

( Sassalbo, 07 Ottobre 2021 )



"Presentare la Riserva di Biosfera della Mab Unesco in città, in uno spazio equosolidale, è un primo esempio di più stretta connessione tra i territori di città e montagna e serve a promuoverne altre", così Fausto Giovanelli presenta la prima vetrina dedicata alla Riserva di Biosfera dell'Appennino tosco emiliano che si aprirà in città, a Reggio Emilia. L'iniziativa scaturisce da una convenzione che, la stessa Riserva di Biosfera, siglerà il 10 ottobre a Busana con Meridiano 361, l'impresa sociale nota per l'attività di commercio equo solidale in città. 
"Tra i 230 metri quadrati della bottega di Meridiano 361 in via Guido da Castello a Reggio Emilia– aggiunge Giovanelli – la Riserva di Biosfera dell'Appennino avrà uno spazio dedicato. Qui presenteremo peculiarità, territori, eccellenze, opportunità, prodotti e ospiteremo iniziative a tema. Questo accordo è reso possibile dall'allargamento della Riserva di Biosfera, deciso il 15 settembre dal 33° Consiglio internazionale di Coordinamento del Programma Unesco per l'Uomo e la Biosfera (Mab-Icc), in Nigeria".
Nel centro storico di Reggio, sarà così possibile per il pubblico scoprire uno spaccato della nuova Mab Unesco, che spazia dalla Pianura padana al Mar Tirreno, con cuore nell'Appennino. 80 comuni, distribuiti su quasi 500 mila ettari, nelle 3 regioni di Toscana, Emilia-Romagna, Liguria e 6 province.  
"Intendiamo partecipare al processo culturale che sostiene l'identità dell'Appennino Tosco-Emiliano, ricca di valori ed eccellenze che meritano di essere valorizzate, tutelate e diffuse – spiega Luca Dosi, presidente de La Vigna, la cooperativa sociale che promuove Meridiano 361. Attraverso questo servizio potremo stimolare un interesse e una partecipazione cittadina verso i temi della Biosfera dell'Appennino Tosco-Emiliano, ma anche, come nella nostra tradizione, difendere e promuovere le numerose produzioni agro-alimentari di qualità. È un processo di educazione alla sostenibilità che valorizza la cultura dei nostri territori".
Soddisfazione per l'intesa è espressa dal presidente di Confcooperative, Matteo Caramaschi. "Questo atto – sottolinea Caramaschi – evidenzia a maggior ragione quel patto di reciprocità che lega la cooperazione e l'Appennino, ciascuno risorsa per l'altro. Lo evidenzia la presenza, in queste aree, di tante cooperative di comunità, caseifici, cooperative sociali e turistiche, del commercio, del credito, del lavoro e nei servizi, che in montagna hanno trovato terreno fertile di sviluppo e nel patto con il territorio generano lavoro, servizi e opportunità per tutti". "In quest'ottica di integrazione – conclude Caramaschi - l'intesa tra la Riserva di Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano e Meridiano 361 è un fatto molto rilevante, aprendo nel migliore dei modi la nuova stagione di allargamento dell'area Mab, che richiede anche l'estensione delle collaborazioni tra territori e soggetti diversi".
All'interno di Meridiano 361 l'area dedicata alla Mab Unesco sarà visitabile, a partire da febbraio 2022, durante i normali orari di apertura della bottega, tutti i giorni della settimana 9.30 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 19.30 (ad eccezione del giovedì pomeriggio e della domenica).

Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr