Funghi ai Lagoni, accessi contingentati e strada chiusa di notte dal Parco nazionale dell'Appennino

( Sassalbo, 27 Settembre 2021 )

"Per la raccolta dei funghi in questo luogo ambito si era creata una situazione estremamente pericolosa e, per questo, siamo dovuti intervenire regolando l'accesso ai Lagoni", così Giuseppe Vignali, direttore del Parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano commenta le restrizioni apposte a inizio percorso che da Cancelli (Corniglio) conduce, dopo sei chilometri di strada demaniale, alla zona Badignana-Lagoni.
L'ordinanza del Sindaco del comune di Corniglio coordinata con il Parco nazionale dell'Appennino stabilisce che la strada sia chiusa dalle 24 alle 6.30 del mattino. Era accaduto, infatti, che cercatori di funghi fossero saliti addirittura di notte con le torce, mentre di giorno quest'angolo dell'alto cornigliese era preso letteralmente d'assalto dai cercatori degli ambiti porcini.
"Oltre al tema della tutela del bosco – spiega Vignali – c'era e c'è l'esigenza primaria della tutela della incolumità delle persone. Troppe macchine rendevano impossibile garantire l'accesso ai Lagoni per i mezzi di soccorso, in una zona suggestiva ma che non può essere raggiunta dall'alto dall'elisoccorso. La segnaletica e la comunicazione che abbiamo posto hanno funzionato e, nella notte trascorsa, sono poche le multe comminate a chi non ha rispettato le prescrizioni. Inoltre, abbiamo contingentato gli accessi a 150 auto e, stamane, solo una cinquantina non sono potuti salire". Stiamo anche valutando la possibilità nel prossimo weekend di introdurre un servizio navetta. Sul posto, oltre alla Polizia municipale intervenuta nei giorni scorsi per regolare gli accessi, l'intervento prezioso e tempestivo dei Carabinieri forestali dello stato, mentre ora il Consorzio Montano effettuerà i necessari controlli.

Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr