( Sassalbo, 30 Agosto 2021 )

Obiettivo della scuola è formare gli utenti sotto l'aspetto etico, scientifico e culturale alla luce della visione dell'ecologia integrale presentata dalla "Laudato sì'", con particolare attenzione al territorio di riferimento del Parco Nazionale e della Riserva della Biosfera Unesco.

Si tratta dell'attivazione di un percorso educativo, culturale, spirituale ed etico che non solo sappia rispondere alle domande urgenti poste dalla crisi ambientale, ma che, soprattutto, aprendo la mente e il cuore alla condivisione dei valori etici fondamentali, e possa risvegliare nell'umanità una nuova riverenza per  la nostra Terra, per la risolutezza nel raggiungere la sostenibilità, per l'accelerazione della lotta per la giustizia e la pace, e per la gioiosa celebrazione della vita" (Carta della Terra, L'Aja, 29 giugno 2000).

La Scuola è rivolta agli operatori ambientali, ai Carabinieri Forestali, ai dipendenti del Parco, alle Guide del Parco, agli operatori a vario titolo delle attività del Parco e della circostante e più vasta area della Riserva della Biosfera.

Sono previste 14 lezioni, in parte in presenza (che potrebbero diventare online in base alle normative da Covid 19), in parte online, con il seguente calendario e argomenti trattati:

  • Sabato 18 settembre ore 9 - 13 (in presenza, salvo variazioni da restrizioni per Covid 19):
    - Laudato si': visione generale (Mons. Pietro Ferri)
    - Radici e modelli di etica ambientale: il modello scientifico, il modello etico, il modello religioso, il modello politico (Paolo Boschini e Giuseppe Ferrari)
    - Le attuali sfide globali, interconnessione dei problemi, conversione ecologica (Corrado Clini)
    - Ambiente ed Economia (Gabriele Canali)
  • Martedì 21 settembre ore 9 - 12 (online):
    - La sfida climatica e le possibilità di riconversione locale (Renzo Valloni)
    - Ecologia integrale e Beni comuni (Roberta Donati)
  • Giovedì 23 settembre ore 9 - 12 (online):
    - Sviluppo sostenibile (Giovanni Tedeschi)
    - La bellezza e la custodia della casa comune; il ruolo dell'uomo nell'ambiente (Enzo Lucchetti) 
  • Martedì 28 settembre ore 9 - 12 (online):
    - Cenni di geomorfologia dell'Appennino e strumenti per la sua comunicazione (Martino Piazza)
    - Le emergenze geomorfologiche e le Riserve Naturali dello Stato (Alessandra Curotti);
    - Eremo e Centro "Laudato si' di Bismantova, il Parco e la Carta Europea per il turismo sostenibile (Chiara Viappiani); 
  • Giovedì 30 settembre ore 9 - 12 (online):
    - Un'esperienza di turismo sostenibile in Lunigiana (Pierangelo Caponi
    - Flora, fauna del Parco e progetti LIFE (Willy Reggioni);
    - La scuola nel bosco (Natascia Zambonini)
  • Lunedì 4 ottobre ore 9 - 13 (lezione e tavola rotonda in presenza, salvo variazioni da restrizioni per Covid 19):
    - Vie storiche, pievi, castelli: raccontare il territorio (arch. Maria Cristina Costa);
    - Preservare i valori e le culture locali: la Riserva della Biosfera e le tipicità agroalimentari e di filiera (Mario Giannarelli);
    - Sobrietà come stile di vita liberante, la logica del dono e i semi di speranza: le comunità di paese (Clementina Santi);
    - Parco Nazionale e Riserva della Biosfera Unesco (Fausto Giovanelli - Giuseppe Vignali) 

Scuola Etica Ambientale
A cura di:
Centro Etica Ambientale Parma
Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano

Per informazioni e iscrizione (gratuita): biosfera@parcoappennino.it

Allegati
Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr