PagoPA: Obbligatorio dal 1 marzo il nuovo sistema per i pagamenti alla Pubblica Amministrazione

( Sassalbo, 12 Febbraio 2021 )

Il 1 marzo 2021 entra in vigore il sistema PagoPA , la piattaforma che, tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti, permette a cittadini e imprese di effettuare pagamenti elettronici verso la Pubblica Amministrazione, così come stabilito dall'articolo 65, comma 2, del decreto legislativo 13 dicembre 2017, n. 217, modificato dall'art. 8 comma 4 del D.L. 14/12/2018, n. 135. 

Come pagare

Dal sito del Parco nazionale dell'Appennino tosco emiliano (www.parcoappennino.it) sarà sufficiente cliccare sul logo del Sistema PagoPa posizionato nella homepage in basso a sinistra o al link https://parcoappennino.servizi-pa-online.it/web/pagamenti/pagamenti-spontanei e selezionare la tipologia di pagamento tra quelle proposte (pagamento affitto stabili, pagamento fatture elettroniche emesse dall'Ente, pagamento di altri servizi).

Sarà poi necessario compilare i dati obbligatori (dati anagrafici, causale e importo) e procedere con l'autenticazione tramite SPID o indirizzo mail. 

Una volta effettuato l'accesso, selezionare la modalità di pagamento desiderata (carta di credito/debito, conto corrente, altre modalità) e procedere al versamento.

Per qualsiasi necessità è possibile contattare il Servizio Finanziario del Parco:

tel: 0522/610528-556

mail: ragioneria@parcoappennio.it

PEC: parcoappennino@legalmail.it

Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr