La fiera del cavallo di Ramiseto debutta il reparto ipomontato CFS

( 19 Giugno 2009 )

Domani, sabato 20 giugno alle ore 15, nel Campo esposizioni di Ramiseto, nell'ambito della 24a fiera dedicata al Cavallo del Ventasso, sarà inaugurato il nuovo Reparto a cavallo del Corpo Forestale dello Stato, istituito presso il Comando ramisetano.

Saranno presenti Fausto Giovanelli, Presidente del Parco nazionale, il Dr. Ernesto Crescenzi, Coordinatore del CTA del Parco e Martino Dolci, sindaco di Ramiseto e Presidente dell'Associazione allevatori cavallo del Ventasso.

Questo progetto nasce da una collaborazione tra Parco Nazionale, Corpo Forestale dello Stato, Comune, Comunità Montana e l'Associazione Allevatori: il "gruppo ippomontato" rappresenta la riproposizione in chiave moderna di un elemento della tradizione dell'area tra Ramiseto e Comano, attraverso un servizio di vigilanza del Corpo Forestale a cavallo, utilizzando come cavalcature soggetti appartenenti alla razza del Cavallo del Ventasso, oggi a rischio estinzione.

"In queste zone –spiega Fausto Giovanelli, presidente del Parco- per vocazione e caratteristiche naturali si concentra lo storico allevamento di alcune apprezzate razze equestri ed elementi del paesaggio che rendono favorevole lo sviluppo del turismo a cavallo. Con questa azione di vigilanza da parte del corpo Forestale, si testimonia inoltre il valore di naturalità del territorio, preservando un habitat che porta il nome di "Valle dei Cavalieri".

L'utilizzo del cavallo da parte del Corpo Forestale ha radici profonde, e ha registrato negli ultimi anni, con lo sviluppo di una maggiore sensibilità ambientale e con l'estensione delle aree naturali protette e dei Parchi nazionali, una nuova tendenza al servizio a cavallo sul territorio. Il Reparto a cavallo del Corpo Forestale di Ramiseto è composto da Giuseppe Notari e Saverio Pala: oltre alle preziose funzioni di controllo del territorio e gestione e salvaguardia del patrimonio naturale del Parco, esso assumerà un ruolo fondamentale anche nella promozione e nella valorizzazione del Cavallo del Ventasso, che rischia di scomparire dal panorama delle popolazioni e razze equine italiane.

Condividi su
 
© 2022 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr