CONTEMPORANEITÀ DELL’APPENNINO.

Evento on line dal Festival della Soft Economy

( Sassalbo, 21 Luglio 20 )

Il Festival della Soft Economy dedica un momento di riflessione all'Appennino. Mercoledì 22 luglio, dalle 15 alle 19, in diretta streaming, 'CONTEMPORANEITÀ DELL'APPENNINO. Eredità e attualità del progetto Ape - Appennino Parco d'Europa'
L'appuntamento a cura della Fondazione Symbola e di Federparchi, vede tra i relatori Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale e coordinatore della Riserva di Biosfera MaB UNESCO dell'Appennino tosco-emiliano.
Il progetto APE-Appennino parco d'Europa a 25 anni dal lancio mantiene intatto il valore della sua visione e delle sue strategie di conservazione della natura e sviluppo locale. L'Appennino può "ritornare al futuro" grazie a una rinnovata centralità della montagna sollecitata dalla crisi climatica e grazie all'affermarsi di una nuova contemporaneità - digitale, riscoperta dei borghi, filiere forestali e agroalimentari - nel segno della sostenibilità.

L'incontro è moderato da OSCAR BUONAMANO giornalista, Direttore editoriale Carsa

Riflessioni introduttive:
AGOSTINO AGOSTINELLI VIcepresidente Federparchi

Relazione di apertura
FABIO RENZI Segretario generale Fondazione Symbola

Contributi
PAOLO CASTELNOVI Architetto, Presidente Landescapefor
GIUSEPPE DEMATTEIS Professore Emerito Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio Politecnico Torino
GIAMPIERO LUPATELLI Economista territorialista, Vicepresidente Caire
MASSIMO SARGOLINI Architetto, professore ordinario di urbanistica dell'Università degli Studi di Camerino

Interventi:
MARCO BUSSONE Presidente nazionale Uncem
FRANCESCA CAMPORA Direttore generale Fondazione Edoardo Garrone
GIOVANNI CANNATA Presidente Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise
FAUSTO GIOVANELLI Presidente Parco nazionale Appennino Tosco Emiliano
TOMMASO NAVARRA Presidente Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga
DOMENICO PAPPATERRA Presidente Parco nazionale del Pollino
PASQUALE PAZIENZA Presidente Parco nazionale del Gargano
GABRIELE SANTARELLI Presidente Parco regionale della Gola della Rossa e di Frasassi
LUCA SANTINI Presidente Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.
LUCIO ZAZZARA Presidente Parco nazionale della Majella

Concludono
ANTONIO NICOLETTI Responsabile nazionale Legambiente Aree protette e biodiversità
GIAMPIERO SAMMURI Presidente Federparchi

Condividi su
 
© 2020 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr