Il Parco Nazionale valorizza Monte Valoria

crocevia di cammini e camminatori

( Sassalbo, 19 Maggio 20 )


Nel Parco Nazionale Riserva di Biosfera MaB UNESCO dell'Appennino Tosco Emiliano c'è un punto, la sella del Monte Valoria, in cui una delle più antiche e frequentate strade storiche di pellegrinaggio, la Via Francigena, si incrocia con il Sentiero Italia, l'itinerario escursionistico tra i più lunghi del mondo: 6880 km che  attraversano le due grandi dorsali montuose della penisola - Alpi e Appennini - valicando 6 siti naturali Unesco, 20 regioni e 360 comuni italiani.
È un incrocio tra Europa e Mediterraneo,tra storia antica e contemporaneità, tra pellegrinaggio religioso ed escursionismo sportivo– spiega Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale e coordinatore della MaB UNESCO – Un luogo emblematico di tutti i significati del "camminare" di oggi,tema di tanta letteratura laica e religiosa e di tante avventure   esperienziali di cui molti sentono sempre più il fascino. Non potevamo lasciare nell'anonimato un luogo così. Perciò, in collaborazione col comune di Berceto, abbiamo operato per arrivare a segnalarlo come merita, nel modo più diretto e più vero possibile:con un semplice elemento di pietra e pochissime parole"

Qui è il paesaggio stesso a raccontarsi, tra le creste dell'Appennino parmense e la Lunigiana che si distende fino al mare. Un punto strategico e un crocevia, probabilmente, importante anche nell'antichità. Fino a qualche anno fa si dava per scontato che l'antico tracciato romano che, valicando l'Appennino settentrionale, collegava le colonie di Parma nella pianura padana con Luni sul mar Ligure, attraversava il passo della Cisa (a quota 1041 metri). Le recenti scoperte, però, hanno fatto rivalutare il ruolo della Sella del Valoria (1224 metri) gettando nuova luce sulla questione tanto da correggere l'ipotesi precedente, senza comunque cancellarla del tutto. Osservando la geomorfologia del territorio, infatti, il Valoria risulta il percorso più breve e agevole per raggiungere lo spartiacque appenninico, punto di congiunzione tra le valli dei fiumi Taro e Baganza (versante emiliano) e Magra (versante toscano).  

Condividi su
 
© 2020 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr