Il Parco Nazionale devolve fondi alle pubbliche assistenze del territorio

Riconoscimento e ringraziamento all’impegno delle organizzazioni locali

( Sassalbo, 09 Aprile 20 )

Il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano ha devoluto 10.700 euro alle pubbliche assistenze dei comuni del territorio destinando il fondo ordinario per contributi a manifestazioni culturali e sociali alle associazioni di volontariato che in queste settimane svolgono un prezioso lavoro di servizio e vicinanza alle persone.


Sono ad oggi 13 le organizzazioni destinatarie del contributo e precisamente:  

-       CROCE VERDE ALTO APPENNINO Busana (RE);

-       CROCE VERDE Castelnovo Ne' Monti - Vetto d'Enza (RE);

-       CROCE VERDE Villa Minozzo (RE);

-       CROCE ROSSA Monchio delle Corti (PR);

-       PUBBLICA ASSISTENZA LANGHIRANO per il comune di Corniglio (PR);

-       PUBBLICA ASSISTENZA A.V.I.S. Fivizzano (MS);

-       CROCE AZZURRA Comano (MS);

-       CROCE VERDE Licciana Nardi (MS);

-       MISERICORDIA Bagnone (MS);

-       PROTEZIONE CIVILE sezione di Filattiera (MS);

-       MISERICORDIA DI PIAZZA AL SERCHIO E GIUNCUGNANO (LU);

-       CORPO ANTINCENDIO VOLONTARIO per San Romano in Garfagnana (LU);

-       ANAI GARFAGNANA per il Comune di Villa Collemandina (LU);

Il Parco Nazionale vuole così esprimere riconoscimento e ringraziamento all'impegno di organizzazioni locali,di volontarie e volontari che in questi momenti -più di ogni altro- sostengono e alimentano la tenuta e la coesione delle comunità dell'Appennino.


 

Condividi su
 
© 2020 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr