La miglior farina di castagne del parco è di Casarola

Dolce&Farina - le aziende premiate

( Sassalbo, 20 Gennaio 20 )

Sabato scorso presso il Centro Visita del Parco Nazionale dell'Appennino tosco emiliano al Passo del Cerreto si è svolta con molto successo la quarta edizione del Contest Dolce & Farina  tra i produttori di Farina di Castagne con metodo tradizionale.

Dolce&Farina è un evento promosso dal Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano al quale hanno hanno partecipato 23 iscritti provenienti dai quattro versanti del territorio (Lunigiana, Garfagnana, Appennino Reggiano e Parmense) che si sono così classificati:

1^ Riccardo Zammarchi - Casarola Monchio delle Corti PR
2^ La Bucolika - Fivizzano MS
3^ Giannarelli Lucia e Venturo - Sassalbo Fivizzano MS


La giuria che ha valutato le farine sulla base di elementi visivi, olfattivi e gustativi, era composta da:

Marco Cavellini Condotta Slow Food LuniApuana
Rolando Paganini - Accademia Cucina Italiana , ex Alberghiero Bagnone
Domenico Micheli - Rappresentante della Comunità della farina di castagne recentemente costituita in Lunigiana
Mignani Giuseppe- Esperto della battitura delle castagne

Doris Corsini - Coordinatrice della rivista Apenninus

Molto apprezzati i piatti preparati dallo Chef D'amato del Caffè Arti e mestieri di Reggio Emilia e le diverse preparazioni della pattona al forno e nei testi di ghisa e terracotta cucinate dalle associazioni di Agnino, Podenzana e Pontremoli.

Condividi su
 
© 2020 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr