Carabinieri Forestali e Parco insieme per una Riserva dell'Orecchiella più bella e interessante

( Sassalbo, 31 Ottobre 19 )

Ieri Carabinieri Forestali e Parco Nazionale , insieme con operai e un'associazione di giovani guide ambientali escursionistiche, per rendere sempre più bella e interessante La Riserva Naturale Statale dell'Orecchiella. 

Il Generale Davide de Laurentis e il Tenente Colonello Cecilia Tucci hanno tenuto a battesimo un patto di collaborazione col Parco, i comuni e un'associazione locale perchè Orecchiella continui a ricevere, ospitare ed emozionare visitatori e soprattutto studenti e scuole. 

L'educazione ambientale è sempre stato al centro delle attività del Corpo Forestale dello Stato che ha creato e gestito l'Orecchiella. 

Ora, nella presente crisi climatica, la mission e i valori dell' Orecchiella si accrescono. Ripresi i lavori di manutenzione e miglioramento degli habitat, è stata riaperta la biglietteria, Stefano Lera dell'Associazione 1603 ( ndr è l'altitudine della Pania di Corfino) ha riportato con enusiasmo dell'esperienza di accogliere persone di ogni età e condizione, solo tra agosto e ottobre si sono registrati 15 mila accessi di cui circa 5 mila a prezzi ridotti tra cui bambini, anziani e disabili. Orecchiella rappresenta un punto alto della collaborazione che si va rafforzando in tutto il Paese tra i Carabinieri Forestali e i Parchi.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr